Stazione di Palagonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palagonia
stazione ferroviaria
Localizzazione
StatoItalia Italia
Coordinate37°19′05.65″N 14°53′33.04″E / 37.318237°N 14.892512°E37.318237; 14.892512Coordinate: 37°19′05.65″N 14°53′33.04″E / 37.318237°N 14.892512°E37.318237; 14.892512
LineeCatania-Caltagirone-Gela
Caratteristiche
TipoStazione a livello stradale
Stato attualedismessa
Attivazione1889
Binari1
DintorniLago di Lentini

La stazione di Palagonia era una stazione della ferrovia Catania-Caltagirone-Gela posta a 18 km dal centro abitato ma sita nel territorio comunale di Lentini. Dal 2013 è stata declassata a Posto di blocco intermedio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione costruita dalla Società per le Strade Ferrate della Sicilia nel primo tratto della linea per Caltagirone, da Valsavoja a Scordia, venne aperta il 20 novembre del 1889 ed ebbe come nome originario Stazione di Leone[1] (l'intera linea fu inaugurata il 31 ottobre 1892[2]). La stazione era costituita da un semplice raddoppio di binario, per permettere incroci e precedenze, e da un binario tronco affiancato ad ovest per carri merci e ricovero con magazzino merci e piano caricatore[1]. Essendo la linea divenuta, dalla fine degli anni trenta, a Dirigenza unica, fu presenziata da Assuntore fino all'attivazione della dirigenza centrale operativa; dopo l'attivazione divenne impresenziata ed esercita a DCO in telecomando.

La stazione venne costruita sul lato ovest del Lago di Lentini, in un'area pianeggiante coltivata ad aranceti. La sua importanza fu sempre legata alle esigenze di movimento con un piccolo movimento di merci ma fu sempre fermata per i treni con un movimento pendolare di coltivatori ed operai. La stazione ha perduta ogni importanza a partire dagli anni settanta e i treni non vi hanno più fatta fermata se non per esigenze di servizio.

Strutture ed impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di consiste di un fabbricato ad un livello, posto ad ovest del fascio binari; adiacente vi è un'appendice ad un livello per servizi e un magazzino merci. Tutti i fabbricati sono chiusi in seguito alla dismissione. Il fascio binari comprendeva il primo binario, di transito e il secondo binario tra cui è interposto uno stretto marciapiedi per servizio viaggiatori; il binario merci è tronco e posto a sud-ovest. È fornito di piano caricatore e magazzino merci. La stazione non ha pensilina né sottopassaggio. A partire dagli anni ottanta la stazione ha ricevuto un Apparato centrale elettrico a itinerari per il comando degli scambi e degli enti di stazione in seguito all'attivazione del Comando Centralizzato del Traffico. Il 15 dicembre del 2013 è stato eliminato il II binario e con disposizione apposita la stazione è stata soppressa e trasformata in posto di blocco intermedio[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]