Ahl al-Kitab: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
→‎top: Bot: Markup immagini, accessibilità
(Aggiunto portale)
m (→‎top: Bot: Markup immagini, accessibilità)
{{Avvisounicode}}
[[File:Bodleian J2 fol 175 Y 28 1.jpg|thumb|200px|''[[Avestā]]''. Apertura del ''Gāthā Ahunavaitī'', ''Yasna'' XXVIII,1 (dalla [[Biblioteca Bodleiana]] MS J2]]
[[File:Köln-Tora-und-Innenansicht-Synagoge-Glockengasse-040.JPG|thumb|left|150pxupright=0.7|Testo sacro ebraico nella sua forma tradizionale di rotolo ([[Colonia (Germania)|Colonia]])]]
Col termine '''Ahl al-Kitāb''' ({{arabo|أهل الكتاب}}), lett. "'''Gente del Libro'''", la giurisprudenza [[Islam|islamica]] si riferisce ai fedeli di quelle religioni che fanno riferimento a testi ritenuti di origine divina dallo stesso Islam: [[Torah|Tōrāh]] per gli ebrei, [[Vangelo|Injīl]] per i [[Cristianesimo|cristiani]], [[Avesta]] per gli [[Zoroastrismo|zoroastriani]] o [[Veda]] per gli [[Induismo|induisti]].
[[File:Rigveda MS2097.jpg|thumb|Una copia del [[Rigveda]] (Newberry Library, Chicago)]]
[[File:Gelati gospel.jpg|thumb|150pxupright=0.7|left|[[Vangelo]] in georgiano (XII secolo)]]
Per questa ragione i devoti di queste [[religione|religioni]] sono considerati meritevoli di "protezione" (''[[Dhimmi|dhimma]]'') dall'Islam, purché assoggettati a un'imposta personale (''jizya'') ed, eventualmente, a una fondiaria (''[[kharaj|kharāj]]''), oltre che alla lealtà nei confronti della ''[[Umma]]'' islamica da un punto di vista esclusivamente politico.
 
3 185 531

contributi

Menu di navigazione