Aulo Postumio Tuberto: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS
m (Bot: rimuovo righe in eccesso (vedi richiesta))
m (Bot: passaggio degli url da HTTP a HTTPS)
Nel [[431]], durante il consolato di [[Gneo Giulio Mentone]] e di [[Tito Quinzio Peno Cincinnato]] i [[Volsci]] e gli [[Equi]] attaccarono nuovamente i romani e si accamparono sul [[Monte Algido]]. Il senato, temendo il disaccordo tra i due consoli, decise affidare la campagna militare ad un [[dittatore romano|dittatore]], la cui scelta fu affidata a Peno Cincinnato, che scelse Aulo Postumio Tuberto, suo genero, che aveva fama di comandante severo e risoluto.
 
Postumio, dopo aver nominato [[Lucio Giulio Iullo]] [[Magister equitum]], affidò la difesa della città a Gneo Iulio, ed il comando di uno dei due eserciti romani a Peno Cincinnato; così disposti i romani mossero contro i nemici sconfiggendoli sonoramente.<ref>[[Tito Livio]], ''[[Ab Urbe condita libri|Ab Urbe condita]]'', [httphttps://en.wikisource.org/wiki/From_the_Founding_of_the_City/Book_4#26 IV, 26-29.]</ref>
 
{{citazione|Così alla fine venne conquistato anche l'accampamento e tutti i nemici, eccetto i senatori, furono venduti come schiavi. Fu restituito a Latini ed Ernici quella parte del bottino che riconobbero come loro, l'altra parte il dittatore la vendette all'asta. Lasciato il console a capo dell'accampamento, il dittatore tornò poi in trionfo a Roma dove rinunciò alla dittatura.|Tito Livio,Ab Urbe condita, IV, 2, 29 }}
799 297

contributi

Menu di navigazione