Sophia Engastromenou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sophia Schliemann con i gioielli del cosiddetto «tesoro di Priamo», 1873

Sophia Engastromenou Schliemann (Atene, 12 gennaio 1852Atene, 27 ottobre 1932) è stata la seconda moglie dell'archeologo Heinrich Schliemann, lo scopritore dell'antica città di Troia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sophia Engastromenou era figlia di un ricco mercante e nipote del vescovo di Mantinea Theokletos Vimpos. A quest'ultimo, nel 1869, si rivolse il ricco commerciante e archeologo dilettante tedesco Heinrich Schliemann, appena divorziato dalla prima moglie, la russa Ekaterina Liščin, perché gli trovasse per moglie una giovane ragazza greca che incarnasse nell'aspetto lo spirito dell'antichità omerica. Dalle foto di tre donne, Schliemann scelse la diciassettenne Sophia.

Sposatisi ad Atene il 24 settembre del 1869, avranno due figli, Andromaca (18711962) e Agamennone (18781954). Sophia accompagnò e aiutò il marito nei suoi scavi a Troia e in Grecia. Dopo la morte del marito, avvenuta nel 1890, Sophia risiedette ad Atene, tenendo conferenze sull'attività archeologica di Schliemann. Morì nel 1932 e fu sepolta nel mausoleo che ad Atene accoglie le spoglie del marito e della figlia Andromaca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Danae Coulmas, Schliemann und Sophia: Eine Liebesgeschichte, Piper Verlag 2002 ISBN 3-492-04303-8
  • Irving Stone, Der griechische Schatz. Der Lebensroman von Sophia und Heinrich Schliemann, Reinbek, Rowohlt 2004 ISBN 3-499-23533-1
  • Nancy Joaquim, Sophia: A Woman's Search for Troy, Xlibris Corporation, 2005 ISBN 1-599-26744-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN13103045 · ISNI (EN0000 0001 2017 2262 · LCCN (ENn92115223 · GND (DE118759418
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie