Società delle Guide Alpine di Courmayeur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Società Guide Alpine Courmayeur)
Società delle Guide Alpine di Courmayeur
(FR) Société des guides de Courmayeur
Fondazione1850
ScopoAccompagnare i turisti in alta montagna
Sede centraleItalia Courmayeur
Sito web

La Società delle Guide Alpine di Courmayeur (in francese Société des guides de Courmayeur) è l'associazione di guide alpine presente a Courmayeur in Valle d'Aosta. La sua vocazione principale è di accompagnare i clienti in alta montagna, in particolare sulla vetta del Monte Bianco e sulle altre vette del suo massiccio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione delle guide alpine a Courmayeur ha in Jean-Laurent Jordaney il suo capostipite. Originario di Pré-Saint-Didier e soprannominato Patience, egli fu ingaggiato dall'alpinista e naturalista ginevrino Horace-Bénédict de Saussure a partire dal 1774 per tentare di aprire una via al Monte Bianco[1]. Jordaney lo accompagnò in particolare sul ghiacciaio del Miage e sul mont Crammont. Fu guida anche dell'inglese Thomas Ford Hill (? - 1795[2]) al colle del Gigante nel 1786[3].

La società si è costituita nel 1850 e come tale risulta essere la più antica associazione di guide alpine nata in Italia[4].

Le maggiori personalità legate alla Società delle guide di Courmayeur sono state, nel corso della sua storia: Jules Guédoz, Émile Rey, Adolphe Rey, Joseph Petigax, Alexis Brocherel, Laurent Croux, Cyprien Savoye e César Ollier.

Dall'inizio del XX secolo hanno incominciato ad organizzare le spedizioni extraeuropee.

Oggi[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente la società raccoglie circa cinquanta soci e tra questi una quarantina di soci in attività.

La società gestisce in proprio il Rifugio Monzino e si occupa del Bivacco Marco Crippa e del Bivacco Mario Jachia.

I locali dell'associazione a Courmayeur ospitano il Museo alpino Duca degli Abruzzi.

La società aderisce alla Unione Internazionale delle Associazioni di Guida Alpina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.angeloelli.it Archiviato il 3 febbraio 2014 in Internet Archive.
  2. ^ Hill, Thomas Ford (DNB00)
  3. ^ www.angeloelli.it
  4. ^ Pagina sulla società nel sito sul turismo in Valle d'Aosta, su regione.vda.it. URL consultato il 18-10-2010.
Valle d'Aosta Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Valle d'Aosta