Shénnóng Běncǎo Jīng

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Shennong Ben Cao Jing)
Jump to navigation Jump to search

Shennong Bencao Jing (in lingua cinese 神農本草經T, 神农本草经S, Shénnóng Běncǎo JīngP, Shen-nung Pen-ts'ao ChingW) è un libro cinese di agricoltura e piante. Le sue origini sono state attribuite al mistico imperatore Shennong, che si dice sarebbe vissuto intorno al 2800 a.C. I ricercatori ipotizzano che questa sia una raccolta di tradizioni orali, scritta tra il 300 a.C. e il 200. Il testo originale non esiste più, ma si dice che era composto di tre volumi contenenti 365 voci sui medicinali e la loro descrizione.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trattato comprendeva 120 farmaci innocui per gli esseri umani, con "proprietà stimolanti": reishi, ginseng, giuggiola, arancia, cannella e liquirizia.

Il secondo volume era dedicato a 120 sostanze terapeutiche destinate a curare i malati, ma più o meno tossiche. In questa categoria, troviamo zenzero, peonie e cetriolo. Le sostanze di questo gruppo sono descritti come "umane".

L'ultimo volume conteneva 125 voci che corrispondono a sostanze che hanno un'azione violenta sulle funzioni fisiologiche e di solito sono velenose. Rabarbaro, diversi frutti snocciolati e semi di pesca sono tra quelle presenti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]