Servizio pubblico federale degli Affari Esteri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Servizio pubblico federale degli affari esteri, del commercio estero e della Cooperazione allo sviluppo (in francese: Service public fédéral Affaires étrangères, in olandese: Federale Overheidsdienst Buitenlandse Zaken, Buitenlandse Handel in Ontwikkelingssamenwerking o SPF) è il ministero degli affari esteri del Governo federale del Belgio, responsabile della politica estera e delle relazioni con dell'Unione europea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio pubblico federale è stato fondato il 25 febbraio 1831 come Ministero degli Affari Esteri. Nel 2000 il Ministero, nell'ambito della riforma del Servizio pubblico federale, cambia il suo nome in Servizio pubblico federale degli affari esteri. Mantiene una presenza in 130 ambasciate, consolati e altre missioni diplomatiche e impiega circa 3.400 persone, tra cui dipendenti all'estero.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio pubblico federale è suddiviso in sei direzioni generali:

  • Direzione generale degli Affari bilaterali
  • Direzione generale degli Affari consolari
  • Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo
  • Direzione generale per gli Affari europei e di coordinamento
  • Direzione generale degli Affari giuridici
  • Direzione generale per gli Affari multilaterali e globalizzazione

Il servizio pubblico federale amministra:

  • 89 ambasciate
  • 10 missioni permanenti presso le organizzazioni internazionali
  • 17 Consolati generali
  • 10 consolati
  • 1 consolato onorario
  • 6 Uffici di cooperazione

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN150470538 · BNF (FRcb15011939t (data)