Semiotica strutturale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La semiotica strutturale è una famiglia di studi che riconosce in Ferdinand de Saussure e in Louis Hjelmslev i suoi primi fondatori. L'evoluzione della semiotica europea ha seguito lo sviluppo dello Strutturalismo, incrociando temi, metodi e prospettive.

Tra i principali esponenti della semiotica strutturale: Roland Barthes, Umberto Eco, Algirdas Greimas.

La semiotica strutturale ha molte fonti di riferimento e diversi ambiti di applicazione. La cosiddetta analisi strutturale del racconto, iniziata da Barthes e sfociata poi nella semiotica generativa di Greimas, in particolare fa riferimento allo studio di Vladimir Propp sulla morfologia della fiaba e, in seguito, all'analisi dei miti da parte di Lévi-Strauss e di Dumézil, conciliando così la linguistica con le teorie narratologiche.

Esistono altri orientamenti importanti nel campo della ricerca della semiotica strutturale. Tra i contributi più importanti spiccano i lavori di Jurii Lotman e della cosiddetta Scuola di Tartu-Mosca.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Patrizia Magli, Semiotica

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica