Schöneberger Terrassen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schöneberger Terrassen
Berlin dominicusstrasse 14.11.2013 11-41-26 ShiftN.jpg
Vista degli edifici in fregio alla Dominicusstraße
Ubicazione
Stato Germania Germania
Località Berlino
Coordinate 52°28′54.34″N 13°21′07.95″E / 52.481761°N 13.352208°E52.481761; 13.352208Coordinate: 52°28′54.34″N 13°21′07.95″E / 52.481761°N 13.352208°E52.481761; 13.352208
Informazioni
Condizioni in uso
Costruzione 1976-1979
Stile brutalismo
Uso appartamenti
Realizzazione
Architetto Waldemar Poreike
Appaltatore GSW

Schöneberger Terrassen (letteralmente «terrazze di Schöneberg») è il nome di un complesso di edilizia sociale di Berlino, sito nel quartiere di Schöneberg.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso fu costruito dal 1976 al 1979 per iniziativa della società edilizia GSW su progetto di Waldemar Poreike, sull’area occupata in precedenza dalla fabbrica di birra Kindl.

I giardini interni vennero parzialmente ridisegnati dal 2003 al 2004.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso occupa quasi interamente l’isolato compreso fra la Dominicusstraße, la Feurigstraße, la Ebersstraße e la Prinz-Georg-Straße; gli edifici sono disposti in parte lungo i fili stradali, con altezze corrispondenti a quelle degli isolati limitrofi, e in parte, con altezze maggiori, all’interno del lotto; si creano in tal modo due grandi corti interne, sistemate a giardino, su cui gli appartamenti si affacciano con ampie terrazze digradanti.

Lo schema generale risulta quindi essere a cavallo fra due epoche architettoniche: mentre gli affacci interni proseguono la tradizione moderna della «macchina abitativa» funzionale e immersa nel verde, verso l’esterno il complesso dialoga con l’ambiente circostante, anticipando la sensibilità postmoderna che negli anni seguenti avrebbe caratterizzato gli interventi dell’Internationale Bauausstellung.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Adrian von Buttlar, Kerstin Wittmann-Englert, Gabi Dolff-Bonekämper (a cura di), Baukunst der Nachkriegsmoderne. Architekturführer Berlin 1949–1979, Berlino, Dietrich Reimer Verlag, 2013, pp. 334-335, ISBN 978-3-496-01486-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]