Amico di Avellana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sant'Amico di Avellana)
Jump to navigation Jump to search
Sant'Amico di Avellana
Sant amico icona passatora.jpg
Sant'Amico di Avellana tra due Madonne, affresco del 1494, custodito presso il Santuario dell'Icona Passatora
 

Monaco

 
NascitaCamerino, 920 o 930
MorteSan Pietro Avellana, 3 novembre 1040 o 1050
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza3 novembre
Attributilupo ed ascia da taglialegna

Amico di San Pietro Avellana (Camerino, 920 o 930San Pietro Avellana, 3 novembre 1040 o 1050) è stato un monaco cristiano italiano, dell'ordine benedettino. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amico, fu figlio di una nobile famiglia di Camerino, fu messo in monastero a giovane età. Ma in seguitò preferì la carriera sacerdotale. Convinti i parenti ad abbracciare la vita monastica, Amico si ritirò in eremitaggio sul Monte Torano dell'Aquila, nei pressi del torrente Chiarino, nel territorio che circonda Colle di Arquata) in provincia di Ascoli Piceno. Raggiunto da altri monaci rimase vent'anni ritirato a vita eremitica, dove eresse un altare dedicato all'Arcangelo Michele ed in seguito vi fu costruita una chiesetta dedicata alla Madonna del Chiarino.

Raggiunta la ragguardevole età di centoventi anni, morì nel Monastero di San Pietro Avellana, fondato nel 1025 da san Domenico di Sora. In questo monastero riposa il suo corpo circondato da un bell'altare seicentesco. Fra i suoi seguaci il monaco Benedetto della Vita scrisse di lui:

«Il negozio di guadagnare le anime a Dio aveva il santo uomo ridotto ad abitare nel territorio di Ascoli nella ripa del fiume che Chiarino si chiama che da tutti gli abitatori corre molto lontano, onde a fratelli che seco vivevano noiosa parendo, di dover lungo cammino andare, qualora per divini sagrifizi, ed esercizi spirituali insieme adunarsi doveano avendo nella folta vicina montagna trovata una grotta, con molta istanza lo pregarono che ivi un oratorio fabbricasse per gli esercizi, e coll'orazione delle cose che lo spirito di Dio loro comunicava onde egli compatendo ai desideri loro…….Era grotta grande e capace e alla parte di levante avea l'entrata, che medesimamente grande ed aperta era, se non che ad una gran pietra del monte che avanti le pendea, intanto il lume le era impedito, che anzi più del bisogno oscura la rendea, con tutto ciò per compiacere ai suoi discepoli, un altare vi fece ed al Vescovo di Ascoli, in onore di San Michele Arcangelo lo fece consacrare»

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Colle (Arquata del Tronto) § Sant'Amico di Avellana, eremita a Colle di Arquata.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Spesso è stato confuso con sant'Amico di Rambona fino ad avere una comune attribuzione, quella del lupo, riferito ad un miracolo del santo dell'ammansimento di un lupo feroce. Per questo motivo, ed anche per il nome, i due santi marchigiani vengono spesso confusi, per alcuni addirittura è la stessa persona che prima di ritirarsi a vita eremitica sia stato abate dell'Abbazia di Rambona, ma questa versione è molto dubbia.

Viene festeggiato il 3 novembre, data presunta della sua morte.

Iconografia[modifica | modifica wikitesto]

Sant'Amico appare in alcuni quadri e affreschi del XV secolo. È sempre affiancato da un lupo perché la leggenda vuole che un lupo avesse sbranato l'asino dell'abbazia usato dai monaci per raccogliere legna nei boschi dei dintorni. Sant'Amico ammansì il lupo che si sostituì all'asino nella dura incombenza. Altre volte viene rappresentato con attrezzi agricoli, in particolare un'ascia simbolo del taglialegna.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. SETTEFRATI, Sant'Amico di San Pietro Avellana, il santo amico di Dio e degli uomini, Teramo 2001
  • P. SETTEFRATI, La storia umana del monaco benedettino di nome Amico, Roma 2009
  • B. Cigniti, Amico di Avellana, santo in Bibliotheca Sanctorum, I, Roma, 1961
  • P. Settefrati, Sant'Amico di San Pietro Avellana attraverso le immagini e i nomi, 1ª Ediz. 12/2008
  • P. Settefrati, La prima vita scritta di S. Amico di San Pietro Avellana, 1ª Ediz. 2009
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie