Sandolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sàndolo
Paolo Monti - Serie fotografica (Venezia, 1969) - BEIC 6357461.jpg
Ricciolo di coda di un sandalo in una foto di Paolo Monti del 1965. Fondo Paolo Monti, BEIC
Variantisandoléto (Veneto)
Altri nomisandalo
Caratteristiche costruttive
Lunghezzafra 5 e 10 m
Larghezzacirca 1,2 m
Altezzaai fianchi 30 cm
Pesocirca 200 kg
Pescaggiocirca 5 cm
Materialelegno
Caratteristiche di trasporto
Propulsioneremi, motore fuoribordo, vela
Rematorida 1 a 4
Numero alberi(1)
Tipo di velavela al terzo
Numero vele1 o 2

Il sàndolo o sàndalo è una delle più famose e più diffuse imbarcazioni della Laguna Veneta.

Il termine sandolo o sandalo, in uso dal 1292, avrebbe le sue radici etimologiche nella parola latina sandalium, "calzatura" che, a causa della sua forma piatta, ricorderebbe il fondo della barca, che è senza chiglia per sopportare meglio i bassi fondali lagunari.[1][2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È una barca a fondo piatto che nelle sue varianti può assumere dimensioni che vanno da poco più di 5 a circa 10 metri.

Si può considerare la barca "di base" della laguna veneta, in quanto molte delle altre imbarcazioni lagunari sono derivate da questo modello. A seconda degli usi, delle forme e della zona di utilizzo questo ha assunto nomi diversi: sandolo pupparino, sandolo s'ciopon, sampierota o sandalo sampierotto, mascareta, sandolo buranello, sandolo da barcariol, saltafossi.

È un'imbarcazione solida, capiente e maneggevole: lo scafo lungo e stretto infatti la rende particolarmente adatta alla conduzione a remi con la tradizionale tecnica della voga alla veneta. È possibile vederne ancora oggi esemplari di dimensioni maggiori, come il sandalo sampierotto, armati con vela solitamente "al terzo", tradizionale nell'alto Adriatico, e un eventuale fiocco.

Alcuni sandoli sono stati adattati anche per la propulsione con motore fuoribordo, specialmente gli esemplari di dimensioni maggiori.

Un tempo era utilizzato soprattutto per la pesca, mentre oggi il sandalo si usa molto spesso anche per diporto, trasporto di persone o di carichi modesti e, nelle versioni più prestazionali come i sandoli pupparini e le mascarete, per regate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sandolo-liberty, su doriagiovanni.it, Giovanni Doria. URL consultato il 26 aprile 2016 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2016).
  2. ^ Sandolo, su veniceexplorer.it. URL consultato il 26 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]