Salone nautico di Genova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salone nautico di Genova: yacht ancorati lungo la diga del marina principale.

Il Salone nautico internazionale a Genova è tra le principali fiere mondiali dedicate alla nautica da diporto e si svolge, con cadenza annuale, oramai da qualche anno nel mese di settembre, mentre in precedenza si svolgeva nel mese di ottobre (ai suoi inizi invece aveva luogo a febbraio). È una manifestazione riconosciuta dall'IFBSO, la Federazione Internazionale degli Organizzatori di Esposizioni di Barche. Nata nel gennaio del 1962 come una piccola esposizione articolata su una superficie espositiva di 30.000 metri quadrati, attraverso le successive 51 edizioni ha raggiunto oltre 200 mila metri quadri di spazi a terra, cui si aggiunge uno specchio acqueo di altri 100 mila metri quadri.

Dal 1966 il Salone nautico di Genova è organizzato in partnership con UCINA Confindustria Nautica, l'associazione italiana delle industrie nautiche da diporto.

Disposizione degli spazi[modifica | modifica wikitesto]

Il Salone nautico prevedeva fino al 2012 uno sviluppo sull'intera area fieristica (compreso il Padiglione S - Palasport). A partire dal 2013 (53ª edizione) l'area espositiva comprende il padiglione B e le aree delle Marine, con una prevalenza di imbarcazioni in acqua.

Scenario economico[modifica | modifica wikitesto]

Il comparto nautico ha registrato, nel 1º trimestre 2011, un incremento di fatturato (+3,9% rispetto all'anno precedente) e degli ordini, che hanno evidenziato nuovamente un andamento positivo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • L'imbarcazione più lunga mai ospitata dal Salone nautico internazionale di Genova è il megasailer Maltese Falcon, costruita dal cantiere Perini Navi. Con i suoi 88 metri e mezzo di lunghezza fuori tutto si è aggiudicata il record ed è stata l'ammiraglia a vela della 46ª edizione del Salone, nell'ottobre 2006.
  • Il Salone nautico è stato visitato per due volte da un Presidente della Repubblica. Nel 1986 da Francesco Cossiga, in forma privata e nel 2018 in forma ufficiale da Sergio Mattarella.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]