Rudolf Kjellén

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rudolf Kjellén

Rudolf Kjellén (Torsö, 30 agosto 1864Uppsala, 9 agosto 1922) è stato un geografo svedese, considerato il padre della geopolitica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere insegnato per alcuni anni geografia, divenne professore di scienza dello stato e statistica all'Università di Göteborg (1901-16) e poi a quella di Uppsala. È considerato l'ispiratore di Karl Haushofer e degli altri geopolitici tedeschi, che di fatto presero le mosse dalle idee espresse da Kjellén nei volumi Samtidens stormakter (Le grandi potenze di oggi, 1914) e Staten som lifsform (Lo Stato come forma di vita, 1916); quest'ultimo avrebbe dovuto costituire, nelle intenzioni dell'autore, la prima parte di una vasta opera di scienza politica fondata sulla concezione dello stato come ente giuridico e territoriale insieme, caratterizzato, al pari degli organismi biologici, da un ciclo vitale e da tendenze di sviluppo.[1]

Fu deputato della Seconda Camera del Riksdag dal 1905 al 1908 e della Prima Camera dal 1911 al 1917.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enciclopedia Treccani

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44421724 · ISNI (EN0000 0001 1025 8812 · BAV 495/307136 · LCCN (ENnr2001009628 · GND (DE129531375 · BNE (ESXX1331319 (data) · BNF (FRcb126849028 (data) · J9U (ENHE987007287500005171 · NDL (ENJA00523266 · CONOR.SI (SL86880611 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2001009628