Rudiarius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine latino rudiarius deriva dal rudis la spada di legno che serviva per esercitarsi ai combattimenti nell'arena delle scuole dei gladiatori [1]

Se i gladiatori avevano ben combattuto nel circo dopo qualche tempo veniva loro concesso il congedo o dal sopraintendente ai giochi (ludi) o dal maestro della scuola che consegnavano loro il rudis: una ricompensa simbolica che implicava la concessione della libertà a quelli che avevano scelto volontariamente di combattere nell'arena. Infatti i gladiatori nella condizione di schiavi non ottenevano la libertà ma semplicemente la possibilità di non essere più obbligati a combattere. Per ottenere la piena libertà questi dovevano ottenere dal pretore il pileus (pileo), un berretto di lana bianca simbolo dell'affrancazione.

43-42 a.C. - Bruto - Denario
Diritto BRVT IMP L PLAET CEST, testa di Bruto dx.;
Rovescio:- EID MAR, pileo tra due pugnali.
da Eckhel

Accadeva però che i rudiarii per avidità di guadagno tornassero nel circo a combattere come testimonia Svetonio che racconta come Tiberio offrì al popolo romano due combattimenti di gladiatori: uno in onore di suo padre e un altro per celebrare il suo avolo Druso: in quest'ultimo gioco riuscì a far tornare a combattere dei valenti ed esperti rudiarii promettendo loro una ricompensa di 100.000 sesterzi [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pietro Stancovich, Dello anfiteatro di Pola ... e di alcune epigrafi e figurine inedite dell'Istria, con 8 tavole, 1822, p.90.
  2. ^ Girolamo Pozzoli, François Noel, Felice Romani, Antonio Peracchi, Dizionario d'ogni mitologia e antichità, Volume 5, ed. Batelli, 1824, p.372

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Girolamo Pozzoli, François Noel, Felice Romani, Antonio Peracchi, Dizionario d'ogni mitologia e antichità, Volume 5, ed. Batelli, 1824,