Roby Zucchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roby Zucchi
Roby Zucchi.jpg
Nazionalità Italia Italia
Sci nautico Water skiing pictogram.svg
Specialità slalom, figure, salto, combinata
Termine carriera 1979
Palmarès
Olimpiadi 1 0 0
Mondiali 1 ? ?
Campionati europei 12 ? ?
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Roby Luigi Zucchi (Genova, 9 ottobre 1951) è uno sciatore nautico e dirigente sportivo italiano della Federazione Italiana Sci Nautico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Tesserato per il Club Mergozzo di Pallanza, iniziò a gareggiare a dieci anni sul Lago Maggiore e nel 1962 era già campione d'Italia categoria allievi.

Nel 1966 vinse il primo titolo italiano slalom e figure; fino alla fine della sua carriera avrebbe vinto 25 titoli assoluti, di cui 12 nello slalom.

Fu il primo italiano a vincere un oro mondiale nella disciplina dello slalom nel 1975.

Inoltre fu l'unico vincitore dell'oro olimpico nello slalom dello sci nautico; lo vinse alle Olimpiadi del 1972 sulle acque di Kiel. Fu l'unica volta in cui questo sport era entrato a far parte dei Giochi Olimpici, come sport dimostrativo, pertanto tale oro non entrò nel medagliere ufficiale.

Vinse 12 titoli europei; il primo nel 1968 a Bendfont in Inghilterra quando si aggiudicò slalom e combinata.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera si laureò in giurisprudenza e si sposò.

Diresse nel frattempo una scuola di sci nautico a Mergozzo (Novara) che dal '91 si fece per prima promotrice in Italia dell'attività per disabili. Dal 1977 all'80 e dal 1985 al 1992 fu responsabile del settore tecnico ed agonistico, quindi consigliere federale e nel 1992 fu eletto Presidente della Federazione, incarico che gli venne rinnovato per tre mandati consecutivi, fino al 2004.

Curiosità: il suo nome di battesimo è Luigi, ma tutti lo hanno sempre chiamato Roby, soprannome che gli diede suo nonno perché, da piccolo, camminava come un robot.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito AMOVA, su medagliedoro.org. URL consultato il 25 giugno 2014.