Ritratto di Pietro Bembo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Pietro Bembo
Pietro Bembo - Titian.jpg
Autore Tiziano
Data 1539 circa
Tecnica Olio su tela
Dimensioni 94,5×76,5 cm
Ubicazione National Gallery of Art, Washington

Il Ritratto di Pietro Bembo è un dipinto a olio su tela (94,5x76,5 cm) di Tiziano, databile al 1539 e conservato nella National Gallery of Art di Washington.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu probabilmente lo stesso Pietro Bembo a commissionare il ritratto a Venezia, magari in occasione dell'ottenimento del cardinalato nel marzo 1539, prima del suo trasferimento a Roma nell'ottobre di quell'anno: l'opera è probabilmente quella citata in una sua lettera del maggio 1540.

Passato a Leone Galli, il dipinto era nel 1636 a Roma, nelle collezioni del cardinale Antonio e poi Maffeo Barberini. Fu nelle collezioni familiari fino al 1890, quando fu esportato tramite Elia Volpi ai Colnaghi (1905). Passato nel 1906 a Charles M. Schwab a New York, entrò nella collezione Kress nel 1942 e da qui nel museo nel 1952.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Il cardinale, in posa ufficiale, è mostrato a mezza figura su uno sfondo scuro, col busto ruotato a destra e il volto a sinistra. Indossa la veste da prelato, con la berretta e la mantella rossa sulla tunica bianca. Il gesto retorico della mano, col braccio proteso in avanti, e lo scatto del volto, dall'espressione concentrata, manifestano l'acutezza e il rigore intellettuale del soggetto, come se stesse disputando di un argomento con qualcuno. La fronte è alta, la barba lunga e bianca, modellata morbidamente, il naso sottile e aquilino, le guance scavate, la bocca serrata. Sono soprattutto gli occhi a catturare l'attenzione, scuri e in allerta. Nonostante i segni dell'età, la prontezza della posa dimostra un'età più giovane rispetto all'età di oltre settant'anni che aveva a quell'epoca.

La posizione del braccio, parallelo al bordo e all'orlo della mantella danno volume alla figura, che spicca scultorea come un busto romano o come opere contemporanee quali i busti della famiglia Zorzi di Alessandro Vittoria.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Valcanover, L'opera completa di Tiziano, Rizzoli, Milano 1969.
  • Cecilia Gibellini (a cura di), Tiziano, I Classici dell'arte, Milano, Rizzoli, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura