Ritardante di fiamma bromurato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I ritardanti di fiamma bromurati (BFR) sono composti di organobromo con effetti di ritardanti di fiamma in materiali combustibili. Tra i ritardanti di fiamma chimici in commercio, i BFR rappresentano la famiglia di composti più utilizzata. Sono largamente usati nella produzione di oggetti di uso comune con componenti plastiche o tessili, come prodotti elettronici, vestiti e mobili, ma anche in molte schiume poliuretaniche qualora sia prevista, per essi, una classificazione di reazione al fuoco. I BFR sono comunemente utilizzati in prodotti elettronici come mezzo per ridurre l'infiammabilità dei prodotti.

Viene tuttavia aspramente contestata la loro tossicità, dal momento che i BFR hanno potenzialità nocive specialmente per il sistema nervoso umano (si parla di neurotossicità) e in particolare ha fatto discutere il loro impiego in oggetti d'uso come i cuscini e i materassi, a contatto dei quali ognuno trascorre circa 8 ore ogni notte.

Contenuti nelle materie plastiche[modifica | modifica wikitesto]

I ritardanti di fiamma bromurati sono contenuti in diversi polimeri di uso comune: dai prodotti tecnologici come i computer o i telefoni cellulari ai guanciali usati comunemente per appoggiarvi il capo durante il sonno.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pedro Arias (2001): Brominated flame retardants – an overview. The Second International Workshop on Brominated Flame Retardants, Stockholm

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia