Riserva naturale di Zhalong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale di Zhalong
扎龙国家级自然保护区
Grus japonensis-Zhalong.jpg
Codice WDPA315626
Class. internaz.Categoria IUCN V: paesaggio terrestre/marino protetto
StatoCina Cina
ProvinciaHeilongjiang
PrefetturaQiqihar
Superficie a terra2100 km²
Provvedimenti istitutivi1979
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Cina
Riserva naturale di Zhalong
Riserva naturale di Zhalong

Coordinate: 47°12′N 124°15′E / 47.2°N 124.25°E47.2; 124.25

La riserva naturale di Zhalong (扎龍國家級自然保護區T, 扎龙国家级自然保护区S, zhālóng guójiā jízìránbǎohùqūP) è una zona umida protetta situata nella provincia di Heilongjiang, in Cina[1][2].

L'ingresso della riserva.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Istituita nel 1979, questa riserva di 2100 km² è situata lungo una delle principali rotte migratorie degli uccelli che dall'Artide migrano verso il Sud-est asiatico ed è uno dei pochi siti dell'estremo oriente in cui nidifica l'erbarolo di palude (Helopsaltes pryeri). La riserva è costituita da paludi d'acqua dolce, torrenti e stagni. Le sue distese di canne costituiscono una dimora ideale per oltre 200 specie diverse di uccelli. All'interno del parco, cui è garantita piena protezione da parte del governo cinese, è tenuto in cattività a scopo di conservazione uno stormo numeroso di gru della Manciuria. La riserva è classificata come zona umida di importanza internazionale ai termini della Convenzione di Ramsar (n° 549)[3].

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Questa palude costituisce un'area di sosta e di nidificazione per un gran numero di cicogne, cigni, aironi, svassi e altre specie[2]. Situata lungo una rotta migratoria che dalla Russia artica giunge al Sud-est asiatico costeggiando il deserto del Gobi, la riserva è popolata da uccelli migratori tra aprile e ottobre[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] protectedplanet.net
  2. ^ a b c Riley 2005, p. 195.
  3. ^ Zhalong, su Ramsar Sites Information Service. URL consultato il 25 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cina Portale Cina: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Cina