Raimondo Piras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Raimondo Piras, conosciuto anche col nome sardo Remundu Piras (Villanova Monteleone, 19051978), è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poeta estemporaneo in lingua sarda sardo logudorese, per più di 40 anni Raimondo Piras (tiu Remundu) fu protagonista di memorabili gare con gli avversari del momento, fra cui Barore Sassu, Antonio Cubeddu, Salvatore Tucconi (Barore Tuccone), Juanninu Fadda, Antonio Piredda, Gavino Piredda, Andrea Ninniri, Peppe Sotgiu ed altri in molte piazze di vari paesi delle Sardegna.

Si ricorda una gara che ebbe luogo l'11 giugno del 1947, in occasione della festa di San Leonardo a Villanova M., con la partecipazione di Remundu Piras, Barore Tuccone e Andrea Ninniri quando, al termine della gara il poeta si rivolge al Santo, invocandolo per alcuni compaesani dispersi in guerra. Qui di seguito una parte di quella "moda":

"Lenardu sun tres annos chi ti prego/ pro sos dispersos de custa dimora./ Sun otto o noe chi mancana ancora,/ chi no si nd'at ischidu fin'a oe:/ sas mamas s'isperantzia ana peldìdu/ e preghende a torrare oju non tàncana/ sun otto o noe chi ancora màncana/ chi non si nd'at ischidu fin'a oe/ sunu ancora chi màncana otto o noe/ chi fin'a oe non si nd'at ischidu./ Sas mamas s'isperantzia ana peldìdu/ no tancana oju a torrare preghende./ cando partidos sunu, adìu nende/ totu a s'altare tou sun bennìdos/ adìu nende cando sun partidos,/ sun tot'ennidos a su tou altare:/ ca tando isperain de torrare/ t'ana leadu a protetore issoro./ Cando mai si tue asa unu coro,/ su piantu 'e sas mamas lassas gai?/ Si de sos presoneris ses su santu,/ si non a tie, a chie pregan tando?"/ Ecc.

Questi versi della "moda" sono stati recentemente musicati ed eseguiti dal Coro de Iddanoa Monteleone.

Raimondo Piras inoltre era anche un poeta "a tavolino"; questa produzione è stata pubblicata a cura del giornalista Paolo Pillonca.

In occasione della morte di Remundu Piras, il collega ed amico Juanninu Fadda scrisse alcuni versi (viene qui riportata solo la prima strofa):[1]

Morte barbara e dura/ as cumitidu dannos./ Piena 'e furbidades e maligna/ as postu in sepoltura/ a setantatres annos/ su famadu poeta de Sardigna./ Pianghimus dolentes/ amigos e parentes/ pro ammentu 'e cuss'anima benigna.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giovanni Perria - Paolo Pillonca, Juanninu Fadda, Domus de Janas, 2004.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Pillonca, (a cura di) R. Piras, Sas Modas, Edizioni della Torre, Cagliari, 1984
  • Remundu Piras, Misteriu.(I-II-III) Tutti i sonetti. Edizioni della Torre, Cagliari.
  • Remundu Piras. il poeta della gente. Domus de Janas, 2003.
  • Remundu Piras + CD (con gara poetica). Domus de Janas, 2003.
  • Remundu Piras. Abbas de terra, (versos ineditos). Domus de Janas, 2006.
  • Remundu Piras. Sedas Lizeras, (versos ineditos). Domus de Janas, 2006.
  • Remundu Piras. Opera Omnia + DVD, (con 10 gare poetiche). Domus de Janas, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30631204 · WorldCat Identities (ENviaf-30631204