Quattro vecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I resti dell'imperatore Wanli della dinastia Ming presso le tombe Ming. Le Guardie Rosse hanno trascinato i resti dell'Imperatore Wanli e delle Imperatrici sul lato anteriore della tomba, dove sono stati "denunciati" postumi e bruciati.[1]

I quattro vecchi (四舊T, 四旧S, sì jiùP) era un termine usato durante la Rivoluzione Culturale dalle Guardie Rosse nella Repubblica Popolare Cinese in riferimento al periodo pre-comunista e rappresentava gli elementi della cultura cinese che dovevano essere distrutti. I quattro vecchi erano: vecchie idee, vecchia cultura, vecchie abitudini e vecchie usanze (in cinese: Jiu Sixiang 旧思想, Jiù Wenhua 旧文化, Jiu Fengsu 旧风俗 e Jiu Xiguan 旧习惯).[2] La campagna per distruggere i quattro vecchi iniziò a Pechino il 19 agosto 1966 (l'"agosto rosso", durante il quale avvenne anche un massacro a Pechino), poco dopo l'inizio della Rivoluzione Culturale.[3][4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine "Quattro vecchi" apparve per la prima volta il 1º giugno 1966, in un editoriale del Quotidiano del Popolo (di Chen Boda), "Spazzare via tutti i mostri e demoni". Nell'articolo, le cose vecchie sono state descritte come antiproletarie, "promosse dalle classi sfruttatrici, [e] hanno avvelenato le menti delle persone per migliaia di anni".[5] Tuttavia, quali costumi, culture, abitudini e idee costituissero specificamente i "Quattro vecchi" non furono mai chiaramente definiti.[6]

Durante l'"Agosto Rosso" del 1966, il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese usò il termine al suo 8º Congresso Nazionale. Il termine è stato approvato anche da Lin Biao in una manifestazione di massa il 18 agosto.[6] Lo stesso giorno, Mao Zedong ha incontrato le Guardie Rosse a Tienanmen, incoraggiando molto il movimento delle Guardie Rosse, che poi hanno iniziato il loro massacro a Pechino e hanno iniziato a distruggere i "Quattro vecchi".[3][4]

Notevoli incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero di Confucio fu attaccato nel novembre 1966, durante la Rivoluzione Culturale, quando fu visitato e vandalizzato da una squadra di Guardie Rosse dell'Università Normale di Pechino, guidata da Tan Houlan.[7][8] Il cadavere del duca Yansheng della 76ª generazione è stato rimosso dalla sua tomba e appeso nudo a un albero di fronte al palazzo durante la profanazione del cimitero.[9]

Nelle fasi successive della campagna, esempi di architettura cinese furono distrutti, la letteratura classica e i dipinti cinesi furono fatti a pezzi e i templi cinesi furono profanati.[6] Le guardie rosse hanno persino fatto irruzione nelle case dei ricchi e hanno distrutto dipinti, libri e mobili.[10]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "China's reluctant Emperor", The New York Times, Sheila Melvin, Sept. 7, 2011.
  2. ^ (EN) Lawrence R. Sullivan e Nancy Y. Liu-Sullivan, Historical Dictionary of Chinese Culture, Rowman & Littlefield, 15 gennaio 2021, ISBN 978-1-5381-4604-0. URL consultato il 6 aprile 2021.
  3. ^ a b Youqin Wang, Student Attacks Against Teachers: The Revolution of 1966 (PDF), su Università di Chicago, 2001 (archiviato il 17 aprile 2020).
  4. ^ a b (EN) Ivan Gaskell e Sarah Anne Carter, The Oxford Handbook of History and Material Culture, Oxford University Press, 12 marzo 2020, ISBN 978-0-19-934176-4. URL consultato il 6 aprile 2021.
  5. ^ Gucheng Li, A Glossary of Political Terms of The People's Republic of China, Chinese University Press, p. 427.
  6. ^ a b c Xing Lu, Rhetoric of the Chinese Cultural Revolution: The Impact on Chinese Thought, Culture, and Communication, University of South Carolina Press, pp. 61–62.
  7. ^ Aiping Ma, Lina Si e Hongfei Zhang, The evolution of cultural tourism: The example of Qufu, the birthplace of Confucius, in Chris Ryan e Huimin Gu (a cura di), Tourism in China: destination, cultures and communities, Routledge advances in tourism, Taylor & Francis US, 2009, p. 183, ISBN 978-0-415-99189-6.
  8. ^ (EN) Asiaweek, Asiaweek Limited, 1984. URL consultato il 6 aprile 2021.
  9. ^ Jeni Hung, Children of confucius, The Spectator, 5 aprile 2003. URL consultato il 4 marzo 2007 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2006).
  10. ^ Michael G. Kort, China Under Communism, Brookfield, MN, Millsbrook Press, 1994, p. 123.