Pucciandone Martelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pucciandone Martelli (Pisa, ... – ...) è stato un poeta italiano, esponente della poesia cortese toscana del XIII secolo, e come scrisse Giovanni Mario Crescimbeni, contemporaneo del poeta Guittone d'Arezzo.

« Madonna, vo' isguardando senti' amore,
che dentro da lo core
mi fue molto piacente,
cotanto umilemente
inver' me si mostrao. »

(Pucciandone Martelli, "Madonna, vo' isguardando senti' amore")

Fiorì a Pisa intorno al 1250 e di lui parlò Gian Giorgio Trissino nella Poetica, e Francesco Redi nelle Annotazioni del suo Ditirambo.

Canzoni poetiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Signor sensa pietansa, udit' ho dire
  • Lo fermo intendimento, ched eo aggio
  • Tuttora aggio di voi rimembranza
  • Madonna, vo' isguardando senti' amore
  • Similemente, - gente - criatura

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]