Project Semicolon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Project Semicolon
Tipono-profit
Fondazione2013
FondatoreAmy Bleuel
Sede centraleStati Uniti Green Bay (Wisconsin)
MottoYour story is not over
Sito web

Project Semicolon -stilizzato come Project ;- o Progetto Punto e Virgola in italiano, è il nome di una organizzazione no-profit il cui obiettivo è di prevenire il suicidio. Fondato nel 2013, il movimento ha l'obiettivo di "presentare speranza e amore a quelli che combattono contro depressione, suicidio, dipendenze o tendenze autolesive"[1]. I suoi membri sono noti per l'utilizzo di tatuaggi rappresentanti il simbolo punto e virgola (;, da cui l'organizzazione prende il nome) come segno di solidarietà nei confronti delle persone che combattono contro patologie psichiatriche o verso chi ha perso una persona cara a causa del suicidio.[2]

Il movimento è aperto a persone di differenti credi religiosi e non[3].[4][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'organizzazione è stata fondata nel 2013 da Amy Bleuel, in onore del padre, morto per suicidio nel 2013. Raggiunge la notorietà nel Luglio 2015, quando diverse persone iniziano a pubblicare sui social media foto di tatuaggi rappresentanti il punto e virgola per supportare il movimento, ottenendo quindi l'attenzione di varie testate giornalistiche statunitensi e mondiali.

Amy Bleuel sottolinea, all'inizio della campagna presidenziale del 2016, che le hotline anti-suicidio hanno riportato un maggiore numero di segnalazioni.

Un libro intitolato Progetto Punto e Virgola: La tua storia non è finita è stato rilasciato il 5 Settembre 2017 dalla HarperCollins. È una raccolta di storie e foto condivise dalla comunità online della organizzazione.

Amy Bleuel[modifica | modifica wikitesto]

Amy Bleuel nasce nel Wisconsin e, dopo il divorzio dei genitori avvenuto quando lei ha sei anni, va a vivere con il padre e con la sua compagna. Da quel momento subisce numerosi abusi fisici dalla matrigna e, all'età di 8 anni, viene presa in carico dai servizi sociali. Inizia a ferirsi da sola, e tenta il suicidio, dopo essere stata abusata sessualmente a 10 anni e violentata quando ne aveva 13[4]. A 18 anni il padre commette suicidio e lei esce dal sistema dei servizi sociali. Nei primi anni di college la Bleuel subisce violenza altre due volte e effettua un aborto, soffre di alcolismo e commette almeno 5 tentati suicidi.

Amy Bleuel muore il 23 Marzo 2017, a 31 anni.[6] La causa ufficiale del decesso è il suicidio. Era sentimentalmente legata al suo partner, David.

Scopo[modifica | modifica wikitesto]

Il Project Semicolon ha lo scopo di ridurre il numero di suicidi sia negli Stati Uniti che in tutto il mondo, ma i suoi membri non sono professionisti psicologi o psichiatri. Piuttosto, incoraggiano coloro i quali stanno soffrendo di tendenze suicidiarie a chiamare hotline di emergenza dedicate allo scopo e/o a cercare l'aiuto di professionisti.

Il simbolo ; è stato scelto perché "il punto e virgola viene usato da un autore quando avrebbe potuto finire la frase, ma ha deciso di non farlo. L'autore sei tu e la frase è la tua vita".

Supporto[modifica | modifica wikitesto]

L'attrice Selena Gomez si è tatuata un punto e virgola sul polso per commemorare la premiere di 13 Reasons Why, serie TV Netflix di cui lei è co-produttrice esecutiva, gesto poi ripetuto dagli stessi attori della serie, Alisha Boe e Tommy Dorfman.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tim McDonald, You Are #NotAlone, su Huffington Post, 6 maggio 2016. URL consultato il 24 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Semicolon tattoos raise awareness about mental illness, in USA TODAY. URL consultato il 24 novembre 2017.
  3. ^ The Moving Meaning Behind the Viral Semicolon Tattoo, su dailysignal.com. URL consultato il 24 novembre 2017.
  4. ^ a b (EN) The Gospel Herald, Interview with Amy Bleuel, Founder of Project Semicolon, and How to Fight Depression, Addiction, Suicide, and Self-Injury, in Breaking Christian News: World, Business, and More | The Gospel Herald, 27 giugno 2016. URL consultato il 24 novembre 2017.
  5. ^ (EN) Caroline Steyer, Global Semicolon Tattoo Trend Is A Sign Of Strength Among Faithful Individuals Dealing With Mental Health Problems, in Huffington Post, 7 luglio 2015. URL consultato il 24 novembre 2017.
  6. ^ (EN) Nolan Blair, Project Semicolon founder dies. URL consultato il 24 novembre 2017.
  7. ^ (EN) ‘13 Reasons Why’ cast gets suicide prevention semicolon tattoos, in NY Daily News. URL consultato il 24 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]