Proconvertina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Proconvertina o Fattore VII è una glicoproteina costituita da una singola catena polipeptidica sintetizzata a livello epatico. Il suo peso molecolare è di circa 53.000 dalton. Questa proteina ha un tempo di emivita molto breve: fino a 6 ore. Se sottoposta ad elettroforesi migra sia nelle α-globuline che nelle β-globuline.

Fisiologia[modifica | modifica wikitesto]

Il fattore VII è uno dei fattori della via estrinseca della cascata coagulativa. Viene attivato a fattore VIIa dal fattore III (o tromboplastina tissutale) e forma con esso e lo ione Ca2̝+ un complesso che è in grado, a sua volta, di attivare il fattore X. Lo stesso Fattore Xa e la trombina sono in grado di attivare il fattore VII. Il La proconvertina appartiene alla categoria di fattori cosiddetti “vitamina K-dipendenti” come i fattori III, IX e X. La vitamina K ha la funzione di catalizzare la carbossilazione dell’acido glutammico presente nei precursori dei suddetti fattori in acido γ-carbossiglutammico. L’acido γ-carbossiglutammico permette che questi fattori fissino gli ioni Ca2+ e i sali inorganici, rendendo possibile la cascata coagulativa. Una carenza di vitamina K o la presenza di suoi antagonisti (cumarinici) determinano l’arresto della sintesi di tali fattori e l’accumulo di loro precursori chiamati PIVKA (Protein Induced by Vitamin K Absence or Antagonist), i quali sono scarsamente attivi nella cascata coagulativa e hanno un'azione interferente sull’attivazione del fattore X. I PIVKA si distinguono in base al fattore di cui sono i precursori: PIVKA II, PIVKA VII, PIVKA IX e PIVKA X.