Prassede di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il santuario della santa, vedi Basilica di Santa Prassede.
Santa Prassede
Santa Prassede, olio su tela di Jan Vermeer.
Santa Prassede, olio su tela di Jan Vermeer.

Vergine e Martire

Nascita Roma
Morte Roma II secolo
Venerata da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 21 luglio

Prassede (Roma, ... – Roma, II secolo) fu una giovane patrizia cristiana di Roma, martire nel periodo imperiale di Antonino Pio; è venerata come vergine e martire dalla Chiesa cattolica.

Agiografia[modifica | modifica wikitesto]

Le notizie agiografiche su Prassede derivano da alcuni "Leggendari" romani, ossia racconti composti tra il V e il VI secolo, particolarmente diffusi in epoca medievale. Il periodo in cui è vissuta è ancora oggetto di discussione, ma è solitamente identificato nel II secolo, forse al tempo di Antonino Pio (138-161).

Secondo la sua agiografia, nascose nel suo titulus molti cristiani che vennero però scovati, arrestati e condannati a morte dall'imperatore Antonino Pio. La santa è quindi rappresentata solitamente mentre raccoglie il sangue dei martiri, magari assieme alla sorella Pudenziana.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Dal Martirologio Romano: «A Roma, commemorazione di santa Prassede, sotto il cui nome fu dedicata a Dio una chiesa sul colle Esquilino.» Il suo nome è stato tolto dal calendario dei santi cattolico nel 1969. Il suo culto è mantenuto solo nella basilica omonima.

È spesso accompagnata dalla sua presunta sorella, Santa Pudenziana, anch'ella martirizzata prima di lei.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN88767755