Polina Žerebcova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Polina Žerebcova

Polina Žerebcova (in russo: Полина Жеребцова?; Groznyj, 20 marzo 1985) è una giornalista e scrittrice russa.

Polina Gerebzova – scrittrice documentarista, poeta, autrice dei famosi diari dei suoi periodi di infanzia, adolescenza, giovinezza passati durante tre guerre cecene. Dal 2002 lavora come giornalista. È membro dell'Unione dei Giornalisti di Russia, del PEN Club. Ha ricevuto il Premio Internazionale Janusz Korczak (Gerusalemme) in due nomination, racconto e prosa documentalistica). Nel 2012 ha ricevuto il Premio Sacharov "Per giornalismo come atto nobile".

Dal 2013 vive in Finlandia.[1].

diari, 1995

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Polina è nata a Groznyj, capitale della Cecenia, e li ha vissuto fino all'età di venti anni. Si considera cosmopolita, anche per la presenza di tante radici nel suo sangue. Suo padre era morì quando era piccolissima. La famiglia, i nonni, le nonne erano musicisti, artisti, pittori, giornalisti della TV.

Nel 1994 a 9 anni Polina comincia a scrivere i diari dove annota tutto ciò che succede attorno a lei. Gli studi, il primo innamoramento, le liti con i genitori – come nella vita di ogni adolescente, - era presente nella vita di Polina assieme ai bombardamenti, la fame, il freddo i la distruzione e la miseria.[2].

Prima guerra cecena ,1995

Il 21 ottobre del 1999 è ferita con le schegge durante il bombardamento del Mercato Centrale della città. Dal 2002 lavora come giornalista.[3]

Nel 2003-2004 frequenta la Scuola di Corrispondenti Nel 2004 ha completato il Diario Ceceno, a soli 19 anni. Nel 2006 è premiata per due nomination – racconto di guerra e prosa documentalistica, Premio di Januch Korchak (Gerusalemme, Israele)

Dal 2007 è membro dell'Unione dei Giornalisti di Russia.

Nel 2010 finisce gli studi di psicologia di base presso l'Università Nord Caucaso a Stavropoli.

Nel 2011 ha pubblicato il primo libro Il diario di Polina Gerebzova. Cecenia 1999-2002.

2012 – membro di PEN Club. 2012 – Premio Sacharov Per il giornalismo come atto nobile.

2013 – ha ricevuto l'asilo politico in Finlandia.

2014 – ha pubblicato il libro “La formica nel barattolo di vetro”. Il libro è tradotto in 12 lingue. [4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Дневник Жеребцовой Полины. ("Cecenia, guerra cecena, diari) — Москва.: Детектив-Пресс., 2011.— ISBN 978-5-89935-101-3.
  • Муравей в стеклянной банке. Чеченские дневники 1994-2004. (“La formica nel barattolo di vetro”) — Москва.: Corpus, 2014 — ISBN 978-5-17-083653-6.
  • Тонкая серебристая нить. — Москва.:АСТ, 2015. ISBN 978-5-17-092586-5.
  • Ослиная порода (автобиографическая повесть) — Москва: Время 2017. ISBN 978-5-9691-1536-1
  • 45 parallel (novel), Ukraine, 2017 ISBN 978-966-03-7925-1

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN222153886 · ISNI (EN0000 0003 6114 7957 · Europeana agent/base/131584 · LCCN (ENno2012008789 · GND (DE1060131110 · BNF (FRcb16730967k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2012008789