Pier Cloruro de' Lambicchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pier Cloruro de' Lambicchi
Lingua orig. Italiano
Autore Giovanni Manca
Specie umano
Sesso Maschio
Professione scienziato

Pier Cloruro de' Lambicchi è il protagonista dell'omonimo fumetto di Giovanni Manca, apparso sulla rivista per ragazzi Il Corriere dei Piccoli tra gli anni trenta e quaranta, Scienziato eccentrico all'antica e incompreso. Il personaggio è caratterizzato dalla testa completamente rapata e per il suo abbigliamento clownesco, nel suo laboratorio sgangherato, Pier Cloruro de' Lambicchi riesce a creare una speciale vernice, denominata «Arcivernice». Questa magica sostanza ha la straordinaria proprietà di dar vita ai personaggi raffigurati nei quadri e nei disegni, semplicemente spennellandovela sopra, riportando in vita personaggi del passato (in genere personaggi in costume medioevale o rinascimentale). Nascono così delle fantastiche avventure che si concludono abitualmente con il personaggio rianimato che si rivolta contro lo sfortunato inventore. Una volta l'arcivernice viene applicata anche su un ritratto dello stesso Pier Cloruro così che apparve il suo sosia e la spassosa avventura dello scienziato finisce che il suo sosia lo butta, almeno temporaneamente, fuori di casa[1].

Le storie del "Corriere dei Piccoli", secondo la forma in uso in quei tempi, non presentavano la classica nuvoletta (da cui il nome "fumetto") contenente il testo come nei fumetti successivi. I testi occupavano invece una legenda sotto le vignette disegnate ed erano rigorosamente in rima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli eroi del Corrierino, comicsando.wordpress.com. URL consultato il 25 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]