Partito İyi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Buon Partito
İYİ Parti
Logo of Good Party.svg
LeaderMeral Akşener
StatoTurchia Turchia
AbbreviazioneİYİ
Fondazione25 ottobre 2017
IdeologiaSecolarismo[1]
Nazionalismo turco[2]
Kemalismo
Liberalismo[3]
CollocazioneCentro[4]/Centro-destra[5]
CoalizioneAlleanza Nazionale
Seggi Grande Assemblea Nazionale
36 / 600
Iscritti330 450 (12 gennaio 2021)
Sito webiyiparti.org.tr

Il Buon Partito (in turco İYİ Parti, sigla İYİ) è un partito nazionalista, kemalista e secolarista turco, fondato dall'ex ministra Meral Akşener nel 2017.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Buon Partito viene fondato nel 2017 dall'ex ministra dell'interno Meral Akşener con alcuni dissidenti del Partito del Movimento Nazionalista (MHP), fuoriusciti in seguito al sostegno del partito al 'Sì' in occasione del referendum costituzionale del 2017, e alcuni membri dell'ala destra del Partito Popolare Repubblicano (CHP).

Alle elezioni del 2018 forma con il CHP e il Partito della Felicità (SP) la coalizione Alleanza Nazionale, all'interno della quale ottiene il 9,96% dei voti e 43 seggi.

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi +/-
2018 4 990 710 9,96
42 / 600
-

Elezioni presidenziali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Candidato Voti % Risultato
2018 Meral Akşener 3 649 030 7,29 4º posto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (TR) Programma politico
  2. ^ (EN) Chase Winter, Turkish nationalists form new party challenging Erdogan, in dw.com, 25 ottobre 2017. URL consultato il 6 luglio 2021.
  3. ^ (TR) Meral Akşener'den yeni parti açıklaması, in www.yenicaggazetesi.com.tr, 4 maggio 2017. URL consultato il 6 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2021).
  4. ^ (EN) Umut Uras, L'ex ministro turco Meral Aksener lancia un nuovo partito, in Al-Jazeera, 25 ottobre 2017.
  5. ^ (EN) Racist thug shapes policies of opposition IYI Party in Turkey, in Nordic Monitor, 28 luglio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]