Paramythia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paramythia
frazione
Παραμυθιά
Localizzazione
StatoGrecia Grecia
PeriferiaEpiro
Unità perifericaTesprozia
ComuneSouli
Amministrazione
Amministratore localeStavroula Mpraimi Mpotsi
Territorio
Coordinate39°28′N 20°30′E / 39.466667°N 20.5°E39.466667; 20.5 (Paramythia)Coordinate: 39°28′N 20°30′E / 39.466667°N 20.5°E39.466667; 20.5 (Paramythia)
Superficie316 km²
Abitanti7 859 (2011)
Densità24,87 ab./km²
Altre informazioni
LingueGreco
Cod. postale462 00
Prefisso26660
Fuso orarioUTC+2
TargaHN
PatronoAgios Donatos (San Donato)
Giorno festivo30 aprile e la prima domenica di ottobre (Λάμποβος)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Paramythia
Paramythia
Sito istituzionale

Paramythia (in greco Παραμυθιά) è un ex comune della Grecia nella periferia dell'Epiro (unità periferica della Tesprozia) con 7.859 abitanti secondo i dati del censimento 2001.[1]

Il nome deriva dalla chiesa della Madonna di Paramythia che in greco significa consolazione (παρηγορήτισσα).

Dal 2011[2] in seguito al Programma Callicrate, Paramythia fa parte di un unico comune denominato Souli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Paramythia è una città bizantina costruita nel 1000 a.C. ad un'altitudine di 750 m alle falde della montagna Korila (Κορύλα) tra i fiumi Acheronte e Kalamà.

Località[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è suddiviso nelle seguenti comunità (i nomi dei villaggi tra parentesi):

  • Agia Kyriaki
  • Ampelia (Ampelia, Agios Panteleimonas, Rapi)
  • Chrysavgi
  • Elataria
  • Grika
  • Kallithea (Kallithea, Avaritsa, Vrysopoula)
  • Karioti
  • Karvounari (Karvounari, Kyra Panagia)
  • Krystallopigi (Krystallopigi, Kefalovryso)
  • Neochori (Neochori, Agios Georgios, Neraida)
  • Pagkrates
  • Paramythia (Paramythia, Agios Georgios, Agios Donatos)
  • Pente Ekklisies
  • Petousi
  • Petrovitsa
  • Plakoti
  • Polydroso
  • Prodromi (Prodromi, Dafnoula)
  • Psaka (Psaka, Nounesati)
  • Saloniki
  • Sevasto
  • Xirolofos (Xirolofos, Rachouli)
  • Zervochori (Zervochori, Asfaka, Kamini)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Censimento 2001 (XLS), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ Programma Callicrate (PDF), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

http://www.paramythia-online.gr/paramythia/

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia