Palestinian Media Watch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Palestinian Media Watch (PMW) è un'organizzazione fondata nel 1996 per controllare i media ed i libri di testo palestinesi in arabo. In particolare, mira ad analizzare la società palestinese in relazione al terrorismo ed all'Islam radicale.

Palestinian Media Watch documenta e confronta le relazioni pubbliche palestinesi con il mondo occidentale rispetto ai messaggi passati alla popolazione in arabo.

Il direttore dell'organizzazione è Itamar Marcus. Il direttore dell'organizzazione

(EN)

« è stato un componente della delegazione israeliana al comitato trilaterale [ americani, israeliani e palestinesi] per il controllo delle provocazioni, previsto dagli accordi Wye. »

(IT)

« was a member of the Israeli delegation to the Tri-lateral [American, Israeli and Palestinian] Committee to Monitor Incitement, established under the Wye Accords. »

(Palestinian Media Watch)

In un article per CounterPunch, PMW è descritto come un sito di propaganda di estrema destra.[1] Secondo un articolo di Haaretz del 2012 Palestinian Media Watch è associato all'estrema destra israeliana, e la maggioranza delle informazioni fornite da PMW in relazione alle istigazioni alla violenza palestinesi è di natura professionale.[2] L'organizzazione è finanziata dalla Michael Cherney Foundation, il cui fondatore è un oligarca russo ricercato dall'Interpol per vari crimini [1] e rifugiatosi in Israele [2].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]