Palazzo De Sterlich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo De Sterlich
Cermignano - Palazzo De Sterlich.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàCermignano
Indirizzovia Salita Castello
Coordinate42°35′20.86″N 13°47′33.67″E / 42.589127°N 13.792685°E42.589127; 13.792685Coordinate: 42°35′20.86″N 13°47′33.67″E / 42.589127°N 13.792685°E42.589127; 13.792685
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVI secolo
Inaugurazione1541
Stilebarocco
Usoresidenza privata
Realizzazione
Proprietariofamiglia De Sterlich
CommittenteSigismondo de Sterlich

Palazzo De Sterlich fu la residenza principale del barone di Scorrano Sigismondo De Sterlich. Si trova in via Salita Castello, davanti la chiesa di Santa Lucia, nel centro storico di Cermignano. I baroni di Scorrano appartengono ad una delle famiglie più note della feudalità teramana. Già nel XII secolo erano proprietari del feudo di Scorrano e di quello di Mons (Montegualtieri), che erano stati da loro fortificati. Già figurano quali proprietari di questi feudi nel libro della feudalità normanna. Non è ancora chiaro come i De Sterlich, durante i primi anni del cinquecento, avessero acquisito il titolo. Alcuni storici abruzzesi hanno teorizzato che questa successione fosse avvenuta per mezzo di un matrimonio in cui il ramo dei Baroni di Scorrano originario si sarebbe estinto nella famiglia De Sterlich. Altri storici, invece, teorizzano una estinzione del ramo dei Da Scorrano ed una successiva attribuzione di questi feudi ai De Sterlich, giunti in Abruzzo dall'Austria insieme a Carlo V.

È molto probabile che anche il feudo di Cermignano fosse stato, come quelli di Scorrano e Mons, nelle mani dei Da Scorrano e che poi agli inizi del cinquecento passò sotto le proprietà dei De Sterlich. Studi approfonditi sull'antica famiglia De Sterlich non sono mai stati effettuati e solo frammenti di notizie storiche ci sono pervenuti. Il maggior numero di fonti documentali sui De Sterlich si trova presso l'archivio storico della Sovrintendenza di Teramo, dove è presente una serie di documenti appartenuti all'ultimo discendente della famiglia Diego De Sterlich il Marchese Volante. Mentre un'altra consistente documentazione era presente nel Castello di Nocciano in provincia di Pescara (anche questo feudo dei De Sterlich-Aliprandi), che è poi stato trasferito negli archivi documentali della provincia di Pescara.

Il palazzo fu costruito nel XVI secolo. Nel XX secolo appartenne a Diego de Sterlich Aliprandi, famoso pilota automobilistico. Il borgo di Cermignano apparteneva alla famiglia assieme ai centri di Scorrano e Montegualtieri, oggi frazioni del Comune di Cermignano. Nel corso del cinquecento, del seicento e del settecento, grazie al disfacimento del ducato degli Acquaviva, che possedevano numerosi feudi tra la provincia di Ascoli Piceno (Acquaviva Picena, Spinetoli, San Benedetto del Tronto, ecc.), la provincia di Teramo (Teramo, Sant'Omero, Corropoli, Tortoreto, Giulianova, Notaresco, Guardia Vomano, Castellalto, Bisenti, Bellante, Mosciano Sant'Angelo, Atri, Silvi, Castilenti, Montefino, Cellino Attanasio, ecc.) e di Pescara (Elice, Montesilvano Colle, Collecorvino, Pianella, San Valentino in Abruzzo citeriore, Città Sant'Angelo, Castellammare Adriatico ecc.), molti feudi passarono alle nuove baronie, tra queste spiccava quella della famiglia de Sterlich che aggiunse ai propri possedimenti, oltre a Cermignano, Scorrano e Montegualtieri, anche Castilenti, Villa San Romualdo, Montefino, parte di Silvi e Città Sant'Angelo (divisa con i Sorricchio), parte di Pianella, di Picciano, di Bisenti. Alla fine del seicento i De Sterlich divennero anche feudatari di Nocciano e di parte di Loreto Aprutino. Nel 1695 Rinaldo De Sterlich, marchese di Cermignano, comprò, per mezzo di un'asta, un feudo che comprendeva una vasta area tra la Selva, Colle della Selva, Colle Imperatore, oggi nel Comune di Mosciano Sant'Angelo, Cologna e parte di Notaresco e sfiorava il feudo di Poggio Morello fino a lambire Giulianova, precedente proprietà demaniale del Regno di Napoli. Questo passaggio di proprietà fu osteggiato dalla nuova aristocrazia teramana, rappresentata dal Giustiziere Melchiorre Delfico e da suo fratello Giovanbattista. A tutti i feudi dei De Sterlich se ne aggiunsero altri provenienti dalle parentele e dai matrimoni contratti con altre nobili famiglie (Aliprandi, Castiglione, Torres ...). Tra le unioni patrimoniali più importanti dei De Sterlich c'è quella con i Baroni Aliprandi, che portarono in dote numerosi feudi nel chietino e nel pescarese

Insigniti del titolo di patrizi di Penne, importante sede diocesana abruzzese.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Venne costruito nel 1541 dal barone di Scorrano Sigismondo De Sterlich. La famiglia già in possesso del titolo di Baroni di Scorrano e signori di Montegualtieri ricevette nel 1706 anche il titolo di Marchesi di Cermignano. Lo storico palazzo è attualmente occupato dal Municipio di Cermignano. Le case adiacenti del castello vennero a suo tempo restaurate per essere adibite a museo. Il palazzo mostra sulla facciata principale lo stemma della famiglia De Sterlich.