Palazzo Cordellina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Cordellina
Facciata palazzo Cordellina Vicenza 2012.jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Località Vicenza
Indirizzo contrà Riale
Coordinate 45°32′54.28″N 11°32′38.68″E / 45.54841°N 11.544077°E45.54841; 11.544077Coordinate: 45°32′54.28″N 11°32′38.68″E / 45.54841°N 11.544077°E45.54841; 11.544077
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1786-1790
Stile palladiano
Uso centro culturale
Realizzazione
Architetto Ottone Calderari
Proprietario Biblioteca Civica Bertoliana
Proprietario storico Carlo Cordellina

Palazzo Cordellina è un palazzo di Vicenza costruito alla fine del XVIII secolo, situato in Contrà Riale.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Fu costruito in stile palladiano da Ottone Calderari, sebbene il progetto originale del 1774 fosse molto più ampio e ambizioso, tanto che avrebbe dovuto estendersi fino a Piazza San Lorenzo. Il committente fu il giureconsulto veneto Carlo Cordellina (lo stesso di Villa Cordellina), che aveva acquistato e fatto demolire gli edifici precedenti occupati dai Gesuiti.

La facciata presenta due ordini sovrapposti: al pianterreno semicolonne doriche e al piano nobile semicolonne ioniche che delimitano finestre a tabernacolo. Come da lezione palladiana, i timpani delle finestre si alternano nelle forme a mezzaluna e triangolari. Il cortile interno presenta una doppia loggia con le colonne dello stesso ordine della facciata.

Gli interni sono ornati da sculture di artisti vicentini, tra cui il busto di Calderari e una statua femminile, entrambi situati nella loggia superiore e scolpiti da Giambattista Bendazzoli. Gli affreschi furono realizzati da Paolo Guidolini e Girolamo Ciesa dal 1784 al 1789; nel corso della seconda guerra mondiale un bombardamento del 18 marzo 1945 distrusse parte delle opere, in particolare le tele di Ciesa nel soffitto delle logge.[1]

Palazzo Cordellina è stato oggetto di estesi restauri tra il 2007 e il 2011.[2] Il restauro degli affreschi è proseguito fino alla fine del 2012.[3]

Di proprietà della Biblioteca Civica Bertoliana (la cui sede centrale si affaccia di fronte), il palazzo è utilizzato come centro culturale, sede di esposizioni temporanee e conferenze.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Barbieri, Illuministi e neoclassici a Vicenza, Vicenza, Accademia Olimpica, 1972.
  • Franco Barbieri e Renato Cevese, Vicenza, ritratto di una città, Vicenza, Angelo Colla editore, 2004, ISBN 8890099070.
  • Franco Barbieri, Tra Neopalladianesimo e Neoclassicismo, in Storia di Vicenza, IV/2, L'Età contemporanea, Vicenza, Neri Pozza editore, 1990.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]