Pakistan ai Giochi della XVII Olimpiade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pakistan ai Giochi della XVII Olimpiade
Roma 1960
Pakistan
Codice CIO PAK
Comitato nazionale Comitato Olimpico Pakistano
Atleti partecipanti 44 in 7 discipline
Di cui uomini/donne 44 Uomini - 0 Donne
Portabandiera Muhammad Iqbal
Medagliere
Posizione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Medaglie complessive vinte
20ª 1 0 1 2
Cronologia olimpica (sommario)
Giochi olimpici estivi

19481952195619601964196819721976198019841988199219962000200420082012

Giochi olimpici invernali

20102014

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pakistan ai Giochi olimpici.

Il Pakistan partecipò alle XVII Olimpiadi, svoltesi a Roma dal 25 agosto all'11 settembre 1960, con una delegazione di 44 atleti impegnati in sette discipline per un totale di 35 competizioni. Portabandiera alla cerimonia di apertura fu Muhammad Iqbal, che gareggiò nel lancio del martello, alla sua terza Olimpiade.

Alla sua quarta partecipazione Giochi, la squadra pakistana conquistò per la prima volta una medaglia d'oro olimpica. L'oro venne dal torneo di Hockey su prato in cui il Pakistan riuscì a prevalere sugli eterni rivali dell'India, dopo che questi ultimi avevano vinto il titolo olimpico nelle 6 edizioni precedenti.

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Per discipline[modifica | modifica wikitesto]

Sport Oro Argento Bronzo Totale
Hockey su prato 1 0 0 1
Lotta libera 0 0 1 1
Totale 1 0 1 2

Medaglie[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia Atleta Sport Evento
Oro Oro Manzoor Hussain Atif
Ghulam Rasool
Anwar Ahmed Khan
Noor Alam
Abdul Hamid
Habib Ali Kiddie
Ahmed Naseer Bunda
Motiullah
Abdul Rashid
Bashir Ahmed
Abdul Waheed Khan
Mushtaq Ahmed
Khurshid Aslam
Hockey su prato Torneo maschile
Bronzo Bronzo Muhammad Bashir Lotta libera Pesi welter

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici Portale Giochi olimpici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giochi olimpici