Paesi africani di lingua ufficiale portoghese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore Andrés Palop, vedi Andrés Palop.
Países Africanos de Língua Oficial Portuguesa, PALOP
Lingua ufficiale Portoghese
Creata 1996
Stati membri 6
I paesi aderenti al PALOP, evidenziati in rosso

I Paesi africani di lingua ufficiale portoghese (conosciuti come P.A.L.O.P. derivante dall'acronimo del nome in lingua portoghese Países Africanos de Língua Oficial Portuguesa[1][2]) sono un gruppo di sei nazioni africane dove la lingua ufficiale è il portoghese: Angola, Capo Verde, Guinea-Bissau, Mozambico, São Tomé e Príncipe e la Guinea Equatoriale. Il PALOP costituisce un ramo del CPLP.

Cinque di queste nazioni africane sono ex colonie dell'impero portoghese, che ottennero l'indipendenza negli anni 1970, poco dopo la rivoluzione dei garofani del 1974 a Lisbona. Diversamente da queste, la Guinea Equatoriale, un'ex colonia spagnola, ha adottato il portoghese come terza lingua ufficiale nazionale nel 2011, puntando ad essere accettata all'interno del CPLP.[3]

I Paesi membri del PALOP hanno numerosi protocolli di interscambio con il Portogallo,[4] l'Unione europea[5] e con il Brasile, e ricevono aiuti nei campi della cultura, dell'istruzione e dello sviluppo della lingua portoghese.

Nazioni membri del PALOP

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Speech of the Ambassador Dulce Maria Pereira, executive secretary to the Community of Portuguese-Speaking Countries - CPSC - to the general assembly of the United Nations concerning HIV/AIDS, New York, June 25th to 27th, 2001.
  2. ^ Roundup: Portuguese-Speaking African Countries Embrace New Era, article at the English People Daily online newspaper
  3. ^ (Spanish) Obiang convierte al portugués en tercer idioma oficial para entrar en la Comunidad lusófona de Naciones
  4. ^ Portuguese National Institute of Public Administration: Bilateral cooperation
  5. ^ Unione europea: Portuguese-speaking African countries (PALOP) and Timor-Leste sign a Memorandum of Understanding with the European Commission (...). Brussels, 7 November 2007