Pace di Stolbovo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pace di Stolbovo
Sweden in 1658.PNG
ContestoGuerra d'Ingria
Firma27 febbraio 1617
LuogoStolbovo
Partibandiera Impero svedese
Russia Regno russo
FirmatariRegno russo
Impero svedese
voci di trattati presenti su Wikipedia

La pace di Stolbovo è un accordo firmato il 27 febbraio 1617 dalla Svezia e dalla Russia per porre fine alla Guerra d'Ingria.

L'accordo[modifica | modifica wikitesto]

Il negoziato che portò all'accordo durò quasi due mesi in quanto la Svezia sperava di poter finalmente realizzare il proprio di costringere i commerci russi ad attraversare il territorio svedese. La Svezia avanzò dunque delle pretese territoriali molto ambiziose arrivando a chiedere l'importante città di portuale di Arcangelo.

Preoccupato che lo zar potesse accettare i termini dell'accordo il re Giacomo I d'Inghilterra, inviò un proprio mediatore che facilitò il raggiungimento di un accordo sulla base dei seguenti termini:

  • La Svezia acquisiva la Carelia sud-occidentale, la provincia e la fortezza di Kexholm (l'attuale Priozersk) e la provincia di Ingria compresa la fortezza di Nöteborg (l'attuale Shlisselburg).
  • I membri delle famiglie russe più agiate che vivevano in questi territori ceduti alla Svezia avrebbero potuto migrare in Russia entro 14 giorni.
  • La Russia rinunciava alle proprie pretese in Estonia e Livonia.
  • La Russia avrebbe pagato un'indennità di guerra di 20.000 rubli[1].
  • Velikij Novgorod e le altre conquiste territoriali svedesi sarebbero state restituite alla Russia.
  • La città russa di Gdov sarebbe rimasta sotto il controllo svedese fino alla pace definitiva.
  • La Svezia riconosceva Michail Romanov come zar legittimo di Russia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicholas V. Riasanovsky, Storia della Russia, Bompiani, 2003, p. 182.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia