Pātāla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Patala" rimanda qui. Se stai cercando l'omonima città indiana, vedi Patala (città).

Nella cosmografia induista, i pātāla sono gli inferi, immensi regni sotterranei, da non confondere con gli inferni, indicati invece con nāraka.[1]

Gli inferi[modifica | modifica wikitesto]

Situati sotto la superficie terrestre dei sette continenti (dvīpa), gli inferi sono anch'essi sette. I loro nomi, come elencati nel Vishnu Purana[2], sono:[1]

  • Atala ("bianco")
  • Vitala ("nero")
  • Nitala ("porpora")
  • Gabhastimat ("giallo")
  • Mahātala ("sabbioso")
  • Sutala ("roccioso")
  • Pātāla

Ognuno di questi regni, pieno di meravigliosi palazzi e bellezze, si estende per 10.000 yojana, equivalenti a circa 130.000 km.[1]

Secondo una leggenda, il saggio Nārada, dopo aver visitato gli inferi, li trovò molto più deliziosi del paradiso di Indra, abbondanti di ogni genere di lusso e gratificazione sensuale.[2][1]

Nonostante l'elenco riportato dal Vishnu Purana sia quello più comunemente accettato, anche altri testi hanno descritto gli inferi.

Nel Padma Purana, gli inferi ed i loro abitanti e sovrani sono:[2]

Secondo lo Shiva Purana invece, esistono otto inferi i cui nomi sono:[2]

  • Pātāla
  • Tala
  • Atala
  • Vitala
  • Tala
  • Vidhipatala
  • Sarkarabhumi
  • Vijaya

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Klostermeier 2001, pag.137.
  2. ^ a b c d (EN) "Patala", Encyclopedia for Epics of Ancient India, mythfolklore.net. URL consultato il 28 marzo 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Klaus K. Klostermeier, Piccola enciclopedia dell'Induismo, Edizioni Arkeios, 2001, ISBN 978-88-86495-59-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]