Novye Izvestija

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Novye Izvestija
Новые Известия
Stato Russia Russia
Lingua russo
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale
Fondazione 24 ottobre 1997
Sede Russia Mosca, Russia
Editore Alliance Oil Company
Sito web newizv.ru
 

Le Novye Izvestija, in russo: Новые Известия?, in italiano Nuove Notizie, è un quotidiano russo, pubblicato a Mosca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quotidiano Novye Izvestija fu fondato il 24 ottobre 1997 da un gruppo di giornalisti dimissionari dalla Izvestia, storico quotidiano russo. Questo gruppo di giornalisti aveva il supporto economico di Boris Berezovsky. Dopo le elezioni di Vladimir Putin a presidente della Russia nel 2000, la Novye Izvestija divenne fortemente critica verso il nuovo governo, criticandolo soprattutto per la deriva antidemocratica e per la guerra cecena.

Quando Boris Berezovsky si trasferì a Londra, Oleg Mitvol ottenne da lui il 76% della proprietà del quotidiano, ma in realtà Berezovsky continuava a sostenere finanziariamente l'impresa. Comunque il 20 febbraio 2003 Oleg Mitvol, in qualità di presidente del consiglio d'amministrazione[1] insieme agli altri membri del consiglio, accusò il direttore generale Igor Golembiovsky d'appropriazione indebita dei fondi del giornale e lo licenziò, senza avvertire gli altri giornalisti e redattori proprietari del rimanente 24% del giornale. Le pubblicazioni furono sospese.[2] Boris Berezovsky contestò la mossa di Mitvol dicendo che essa aveva un movente politico[3][4] visto che il quotidiano si opponeva al presidente Vladimir Putin. Lo stesso giorno fu pubblicato un articolo di Vladimir Pribylovsky riguardo l'emergente culto della personaltà di Vladmir Putin.[5]

Diversi importanti giornalisti delle Novye Izvestija, compreso Golembiovsky, fondarono in appena due mesi un quotidiano più piccolo e più cauto chiamato Russkij kur'er. Novye Izvestija riprese le pubblicazioni sotto il direttore generale Valery Yakov, ex vicedirettore generale, che pur essendosi opposto al licenziamento di Golembiovsky decise di non lasciare la Novye Izvestija. Comunque alla ripresa delle pubblicazioni le critiche al governo si fecero più sfumate e prudenti.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carica ricoperta da Oleg Mitvol dal 1997 al 2003
  2. ^ (RU) Articolo da lenta.ru
  3. ^ (RU) Articolo di gazeta.ru del 20 febbraio 2003
  4. ^ (RU) Articolo di mn.ru del 22 luglio 2003
  5. ^ (RU) Articolo da anticompromat.ru
  6. ^ (RU) Storia della Novye Izvestija da Gazeta.ru

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]