Nihil sub sole novum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nihil sub sole novum (o anche Nihil novum sub sole[senza fonte], Nihil sub sole novi[1], Nihil novi sub sole[senza fonte]) è una locuzione latina che dalla Bibbia (Qohelet, 1,9-10[2][1][3]), è entrata nell'uso comune della lingua italiana[1]. Significa letteralmente «nulla di nuovo sotto il sole»[1].

Nel passo biblico originale intende affermare che da quando la terra è stata creata non accade nulla di nuovo su di essa: da millenni si ripetono le stesse situazioni e gli stessi fatti. Nulla è veramente una novità. Il detto pone particolarmente l'accento sulla supposta vanità delle vicende umane[1]. Nell'uso corrente è usato per prendere atto, spesso con rammarico, che quello che si pensava diverso da certa realtà è invece uguale ad essa.[senza fonte]

Testo biblico[modifica | modifica wikitesto]

Biblia Hebraica Stuttgartensia[4] Septuaginta[5] Vulgata Clementina[6] Bibbia CEI[3]
9 מַה־שֶּֽׁהָיָה֙ ה֣וּא שֶׁיִּהְיֶ֔ה וּמַה־שֶּׁנַּֽעֲשָׂ֔ה ה֖וּא שֶׁיֵּעָשֶׂ֑ה וְאֵ֥ין כָּל־חָדָ֖שׁ תַּ֥חַת הַשָּֽׁמֶשׁ׃ 9 τί τὸ γεγονός, αὐτὸ τὸ γενησόμενον·
καὶ τί τὸ πεποιημένον, αὐτὸ τὸ ποιηθησόμενον·
καὶ οὐκ ἔστιν πᾶν πρόσφατον ὑπὸ τὸν ἥλιον.
9 Quid est quod fuit? Ipsum quod futurum est.
Quid est quod factum est? Ipsum quod faciendum est.
9 Ciò che è stato sarà
e ciò che si è fatto si rifarà;
non c'è niente di nuovo sotto il sole.
10 יֵ֥שׁ דָּבָ֛ר שֶׁיֹּאמַ֥ר רְאֵה־זֶ֖ה חָדָ֣שׁ ה֑וּא כְּבָר֙ הָיָ֣ה לְעֹֽלָמִ֔ים אֲשֶׁ֥ר הָיָ֖ה מִלְּפָנֵֽנוּ׃ 10 ὃς λαλήσει καὶ ἐρεῖ ᾿Ιδὲ τοῦτο καινόν ἐστιν,
ἤδη γέγονεν ἐν τοῖς αἰῶσιν
τοῖς γενομένοις ἀπὸ ἔμπροσθεν ἡμῶν.
10 Nihil sub sole novum,
nec valet quisquam dicere: Ecce hoc recens est:
jam enim præcessit in sæculis quæ fuerunt ante nos.
10 C'è forse qualcosa di cui si possa dire:
«Guarda, questa è una novità»?
Proprio questa è già stata nei secoli
che ci hanno preceduto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Vocabolario Treccani.
  2. ^ Qoelet 1,9-10, su laparola.net.
  3. ^ a b Qohelet (Ecclesiaste), 1, su vatican.va, Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 12 marzo 2021.
    «Ciò che è stato sarà e ciò che si è fatto si rifarà; non c'è niente di nuovo sotto il sole.»
  4. ^ (EN) Biblia Hebraica Stuttgartensia (BHS). Prediger/Kohelet/Ecclesiastes, 1, su academic-bible.com, Deutsche Bibelgesellschaft. URL consultato il 12 marzo 2021.
  5. ^ (EN) Septuaginta (LXX). ΕΚΚΛΗΣΙΑΣΤΗΣ 1, su academic-bible.com, Deutsche Bibelgesellschaft. URL consultato il 12 marzo 2021.
  6. ^ (LA) Biblia Sacra Vulgata. Liber Ecclesiastes, Capitulum 1, su catholicbible.online, Baronius Press. URL consultato il 12 marzo 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]