Nereo Alfieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nereo Alfieri

Nereo Alfieri (Loreto, 3 novembre 1914Ferrara, 10 dicembre 1995) è stato un archeologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nereo Alfieri, valente archeologo e topografo dell'antichità e dell'alto medioevo, ha seguito lo scavo della necropoli di Valle Pega alla metà del secolo scorso, per i primi anni con l'allora Soprintendente Paolo Enrico Arias. Alfieri si occupò delle indagini archeologiche nelle Marche, collaborando con l'Università di Macerata per quasi un trentennio, fino al suo passaggio all'Università di Bologna che gli affidò la cattedra di Topografia dell'Italia antica per poi nominarlo professore emerito dopo l'abbandono dell'insegnamento.

Nereo Alfieri, durante i difficili anni seguiti alla Seconda Guerra Mondiale, lavorava presso il Museo Nazionale di Ancona, che era stato distrutto dai bombardamenti; ebbe in quegli anni un ruolo rilevante nella scoperta dei Bronzi di Cartoceto. Nonostante i disagi derivati dai bombardamenti che avevano semidistrutto la sede del Museo, egli si recò sul luogo del ritrovamento e prese possesso dei frammenti di bronzo dorato che erano appena stati scavati, mentre il proprietario del terreno si era recato urgentemente a Roma; sospettando che il viaggio improvviso fosse dovuto all'intenzione di contattare il mercato antiquario clandestino, il dipendente sequestrò i reperti nel nome dello Stato e fece in modo di farsi consegnare altri frammenti precedentemente occultati. Nel frattempo avvertì i Carabinieri di Roma, che controllarono l'attività degli antiquari della capitale per prevenire una eventuale vendita illegale[1].

Fu insegnante presso il liceo Ariosto di Ferrara e, a lui dedicato, è attivo un laboratorio organizzato in quel liceo ed è inoltre presente l'associazione Arch’è – Associazione Culturale Nereo Alfieri.[2][3]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Topografia storica d'Ancona antica, in Atti e memorie Regia Deputazione di storia patria per le Marche, ser. V, vol. 2-3, Ancona, R. Deputazione di storia patria per le Marche, 1938, pp. 151-236.
  • La *battaglia del lago Plestino
  • La *battaglia del Metauro (207 a.C.)
  • Cento anni di studi sulla regione marchigiana nell'antichità
  • Scritti di topografia antica sulle Marche / in memoria di Nereo Alfieri ; con un contributo di Lidio Gasperini; a cura di Gianfranco Paci. - Tivoli: Tipigraf, 2000

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Notizia tratte dalla relazione di Nereo Alfieri sullo scoprimento dei Bronzi Dorati, pubblicata a pagina 302 su La Civiltà Picena, Editrice Maroni, Ripatransone 1992; Sandro Stucchi Il gruppo bronzeo tiberiano da Cartoceto (pag. 10); L'Erma di Bretschneider, 1988
  2. ^ Laboratorio Nereo Alfieri.
  3. ^ Arch’è – Associazione Culturale Nereo Alfieri (Comune di Ferrara)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Liceo Classico L. Ariosto (a cura di), Nereo Alfieri, un maestro: atti, Giornata Nereo Alfieri, 3 dicembre 2003, Ferrara, Liceo classico statale L. Ariosto, 2005, SBN IT\ICCU\UFE\0704910.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN76359353 · ISNI (EN0000 0000 6155 1173 · SBN CFIV095735 · BAV 495/46211 · LCCN (ENn80035761 · GND (DE12100189X · BNF (FRcb12177559s (data) · J9U (ENHE987007427477505171 · WorldCat Identities (ENlccn-n80035761