Nemi (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nemi
fumetto
Lingua orig.norvegese
PaeseNorvegia
AutoreLise Myhre
1ª edizione1997
Periodicitàgiornaliera

Nemi è una striscia a fumetti norvegese scritta e disegnata da Lise Myhre. Ha debuttato nel 1997 con il titolo Den svarte siden ed è pubblicato quotidianamente su varie testate internazionali.[1]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La cartoonist Lise Myhre, creatrice di Nemi.

Inizialmente la serie si intitolava Den svarte siden ("Il lato oscuro" o "La pagina nera") ed era caratterizzata da toni molto cupi, trattando temi strettamente legati alla cultura goth; nel corso degli anni i toni si sono alleggeriti e le tematiche divenute più frivole, benché spesso vengano comunque trattati argomenti più seri.[senza fonte]

La serie è stata poi ribattezzata Nemi dal nome della sua protagonista, Nemi Montoya, concentrandosi sui modi fantasiosi e stralunati attraverso cui questa ragazza di Oslo,[2] idealista, curiosa, schietta, dallo spiccato umorismo e dalla grande immaginazione,[3] rilegge il mondo e gli eventi che la circondano, combattendo contro la sua pigrizia e la sua golosità, e mostrandosi perplessa di fronte alle tante ipocrisie e falsità della società degli adulti.[senza fonte]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nemi Montoya
Lingua orig.Norvegese
AutoreLise Myhre
1ª app.1997
SessoFemmina

La protagonista è Nemi Montoya, una «goth dura e pura»[2] di venticinque anni, dalla carnagione pallida e dai capelli corvini,[1] sempre vestita in abiti neri in ossequio alla sua anima dark.[4] È infatti una persona molto diversa dal mondo che la circonda: pacifista, femminista, animalista e vegana,[1] ma con una passione sfrenata per il cioccolato e la Coca-Cola, ama tutto ciò che è assimilabile alla cultura nerd; dai fumetti alla musica heavy metal[2] (Alice Cooper su tutti[2]), dalla letteratura al cinema fantasy (fanatica dei draghi[2] e della saga del Signore degli Anelli).

Nemi convive con la sua migliore amica, Cyan, così chiamata per i suoi caratteristici capelli ciano,[2] e che rappresenta un po' la sua coscienza; a far loro compagnia inizialmente c'è anche Leo, fidanzato di Cyan ma quando i due si lasciano subentra Grim, fidanzato di Nemi che agisce anche lui da coscienza della protagonista, amandola ma cercando con costanza di placare e calmare le sue iniziative più istintive e giocose. Come Nemi, anche Grim ha una personalità complessa e per niente superficiale ma, al contrario della sua ragazza, è pacato, affidabile, riflessivo e cauto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Nemi, su amb-norvegia.it. URL consultato il 14 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 14 gennaio 2013).
  2. ^ a b c d e f Silvia Lanotte, “Nemi” di Lise Myhre: bad girls wear black, su softrevolutionzine.org, 23 aprile 2013.
  3. ^ Stabursvik, p. 3
  4. ^ Myhre, p. 14

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lise Myhre, Nemi - Cuori borchiati, traduzione di Maria Valeria D'Avino, adattamento di Roger D'Altri, Roma, Elliot, 2008, ISBN 978-88-6192-048-4.
  • Lise Myhre, Nemi - Amori metallici, traduzione di Maria Valeria D'Avino, adattamento di Roger D'Altri, Roma, Elliot, 2008, ISBN 978-88-6192-049-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]