Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Naiskos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Naiskos funerario di un giovane soldato. Marmo pentelico, proveniente dalla necropoli del Ceramico ad Atene, ca. 350-325 a.C.

Il naiskos (in greco antico: ναΐσκος, naiskos; dall'etimologia greca: ναός,[1] italiano: "tempio") è un piccolo tempio in ordine architettonico con colonne o pilastri e timpano. Spesso utilizzato come motivo artificiale, non è raro nell'arte antica. Si trova anche nell'architettura greca, soprattutto nelle necropoli dell'Attica come rilievo funerario o reliquario con statua, come nel caso di Ceramico ad Atene e nella ceramica a figure nere e a figure rosse del loutrophoros e del lekythos. Esistono anche figurine simili ai naiskoi o ad altri templi realizzati in terracotta; alcuni sono esposti al Museo del Louvre di Parigi. Il naiskos è sempre prodotto in ambito religioso, facendo riferimento in particolare al culto funerario greco. Un tipo simile, chiamato edicola, è comune nell'arte romana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Magdalene Söldner, "Naiskoi für Menschen. Eine heroisierende Fiktion im unteritalischen Vasenbild," in Christine Schmitz, Anja Bettenworth (ed.), Menschen - Heros - Gott: Weltentwürfe und Lebensmodelle im Mythos der Vormoderne (Stuttgart, Franz Steiner Verlag, 2009), 35-52.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]