Palazzo Silva (Domodossola)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Museo di Palazzo Silva)
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Silva
Piazza Chiossi e Palazzo Silva Domodossola.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegionePiemonte
LocalitàDomodossola
IndirizzoVia Paletta, 3
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXIV - XVI secolo
Inaugurazione1882
Stilerinascimentale
UsoPolo museale
Realizzazione
ProprietarioComune di Domodossola
Proprietario storicoPaolo della Silva
Civico museo di Palazzo Silva
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàDomodossola
Caratteristiche
Tipoarte, storia, militare
FondatoriFondazione Galletti
Apertura1882
Sito web

Palazzo Silva è un antico edificio posto nel centro storico di Domodossola, sede del civico museo di Palazzo Silva.

Il palazzo[modifica | modifica wikitesto]

(LA)

« Humilitas alta petit »

(IT)

« L'umiltà aspira a cose eccelse »

(Motto della famiglia Silva, XVI sec.)

Monumento nazionale, il Palazzo Silva fu ristrutturato, a partire da una dimora gentilizia trecentesca preesistente, intorno al 1519 dal condottiero Paolo della Silva, nobile al servizio di Francesco I di Francia[1]. È uno dei migliori esempi di casa patrizia rinascimentale della regione subalpina. Il cancello di ferro battuto su Via Paletta racchiude al suo interno la "corte dei marmi", in cui è conservato un portale a sesto acuto. Particolare attenzione merita la scala a chiocciola in sarizzo, che partendo dai sotterranei raggiunge il tetto, mettendo in comunicazione tutti i piani della casa. I camini, gli stemmi gentilizi e la parte decorativa delle finestre e delle porte (ove è spesso ripetuto il motto della famiglia Silva Humilitas Alta Petit), sono in marmo di Crevoladossola. L'attuale Piazza Chiossi, antistante l'edificio in origine era occupata dal brolo, il giardino con pozzo e con annesso frutteto[2].

Il civico museo di Palazzo Silva[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anno 1882 Palazzo Silva venne acquistato dalla Fondazione Galletti al fine di raccogliervi le proprie collezioni: nacque così il museo[2]. Da allora esso venne più volte allestito e rimaneggiato fino alla definitiva sistemazione operata fra il 1940 e il 1950[3]. Nel 1986 il palazzo fu ceduto al Comune, attuale proprietario dell'immobile. In grandi sale gentilizie arredate, ospita oggetti militari (alabarde, spade, sciabole, copricapi, armature), mobili (tavoli e credenze), stoviglie, chiavi e fibbie antiche, pettini e ventagli, paramenti sacri, opere scultoree lignee, stemmi in marmo, reperti etruschi e romani, incisioni, costumi ossolani, frammenti di mummie egiziane oltre ad una ricca pinacoteca. Il museo apre secondo orari e giorni prestabiliti annualmente, o su richiesta per piccoli gruppi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Veschambre, 88
  2. ^ a b Ferrari, 26
  3. ^ Associazione Musei d'Ossola - Palazzo Silva Archiviato il 26 giugno 2013 in Internet Archive..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edgardo Ferrari, Le guide: Domodossola, Domodossola, Edizioni Grossi, 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]