Movimento Swadeshi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il movimento Swadeshi (in Hindi स्वदेशी svadēśī «autosufficienza» dunque «autonomia economica») fu una parte del movimento d'indipendenza indiano nonché una strategia economica volta a rimuovere l'Impero britannico dal governo e migliorare le condizioni economiche dell'India, seguendo appunto i principi swadeshi, e che riscosse notevoli successi. Le strategie del movimento Swadeshi contemplarono il boicottaggio dei prodotti britannici e il rilancio dei prodotti e dei processi produttivi nazionali. Fu particolarmente forte nel Bengala, dove è stato chiamato anche movimento vandemataram.[1]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola Swadeshi deriva dal sandhi o congiunzione di due parole in sanscrito. Swa significa «io» o «propria» e Desh significa «paese, terra», dunque Swadesh significa «il proprio paese» e Swadeshi, la forma aggettivale, significherebbe «del proprio paese».

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal nome del famoso canto Vande Mataram, intonato appunto durante il periodo di lotta nonviolenta
  2. ^ Thomas Weber, Gandhi, Deep Ecology, Peace Research and Buddhist Economics, Journal of Peace Research; Vol-36, Number-3, May 1999 [1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]