Moschea di Larabanga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Moschea di Larabanga
Ghana Larabanga mosque02.jpg
Moschea di Larabanga, Ghana
StatoGhana Ghana
RegioneDistretto di Gonja ovest
LocalitàLarabanga
ReligioneIslam
FondatoreAyuba
ArchitettoAyuba
Stile architettonicoArchitettura del Sahel
Inizio costruzione1421

Coordinate: 9°12′59.76″N 1°51′59.76″W / 9.2166°N 1.8666°W9.2166; -1.8666

La moschea di Larabanga è un'antica moschea, costruita in stile sudano-saheliano, nel villaggio di Larabanga, in Ghana. È la moschea più antica del paese, nonché una delle più antiche dell'Africa occidentale, tanto da essere rinominata "la Mecca dell'Africa occidentale". È stata restaurata numerose volte dalla sua fondazione nel 1421 (secondo alcuni XVII secolo). Il World Monuments Fund ha contribuito con sostanziali donazioni al suo restauro e l'ha classificato tra i 100 siti più danneggiati.

Luogo[modifica | modifica wikitesto]

La moschea è situata nella città islamica di Larabanga, vicino a Damongo, nel distretto di Gonja Ovest, nella regione settentrionale del Ghana.[1] La città è situata a circa 16 km ad ovest di Damongo e a 8 km dal Parco nazionale Mole.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda, nel 1421 un commerciante musulmano di nome Ayuba fece un sogno, in cui gli venne istruito affinché costruisse una moschea. Stranamente, quando si svegliò, trovò che le fondamenta erano già state gettate, perciò procedette nella costruzione, fino al completamento.[1] Si ritiene che i resti di Ayuba siano sepolti sotto un albero di baobab, accanto alla moschea.[1] Quella di Larabanga è una delle otto più venerate moschee del Ghana ed è la più antica. È un luogo di pellegrinaggio, che attira musulmani da tutta l'Africa occidentale.[1]

Nel 1970 una miscela di sabbia e cemento è stata applicata alla facciata esterna della moschea, nel tentativo di interrompere il deterioramento ad opera di vento e pioggia. Tuttavia, questo trattamento ha provocato danni rilevanti all'edificio, l'umidità è rimasta intrappolata all'interno delle pareti in fango e ha accelerato il deterioramento della struttura, mentre le termini hanno infestato i supporti in legno.[3] Ciò ha portato al crollo di parte della moschea e durante i lavori di riparazione ha causato alcune distorsioni degli elementi strutturali e dell'esterno della moschea[3].

A causa degli agenti atmosferici, la moschea ha avuto bisogno di ristrutturazioni e restauri, che negli anni ne hanno modificato il design esterno.[4] Nel settembre 2002 una violenta tempesta ha distrutto il miḥrāb e il minareto. Di conseguenza, il WMF ha inserito la moschea nel monitoraggio del World Monuments Watch,[3] considerando anche i danni seguenti al restauro inadeguato del 1970. Il "Ghana Museum and Monuments Board" ha deciso di ristrutturare completamente la moschea, perciò ha chiesto alla CRAterre, uno studio di architettura con sede a Grenoble, in Francia, con esperienza nella costruzione di strutture in terra.[3] I lavori di restauro sono stati sostenuti dalla WMF, con una fondo di 50.000 dollari concesso dall'American Express[5] e con il supporto della comunità locale.[3] Il processo di conservazione ha comportato la rimozione del precedente intonaco cementizio dalle superfici della moschea, mentre le componenti strutturali in legno sono state sostituite, il minareto e il miḥrāb ricostruiti, il portale rifatto del tutto, infine le superfici interne ed esterne sono state intonacate in modo tradizionale.[3] La ristrutturazione ha comportato la rivalutazione dello stato di conservazione del sito, coinvolgendo un team di artigiani e operai locali. Il contributo del team ha posto particolare enfasi sul rilancio della conoscenza della manutenzione dell'adobe.[3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Come altre moschee nella regione settentrionale del Ghana, la moschea di Larabanga è costruita nello stile architettonico del Sahel, utilizzando materiali e tecniche di costruzione locali. La moschea è costruita con fango e canne[1], le misure sono all'incirca 8 metri per 8 metri. Ha due torri di forma piramidale, una svolge la funzione di miḥrāb ed è rivolta verso la Mecca formando la facciata est, l'altra costituisce il minareto ed è all'angolo nord-est. Inoltre i contrafforti di forma conica sulle pareti esterne sono rafforzati ad elementi in legno allineati orizzontalmente.[3] All'interno della moschea è conservato un antico Corano, che la gente locale ritiene essere un dono arrivato dal cielo nel 1650 per Braham, l'imam del tempo, come conseguenza delle sue preghiere[1]. La comunità locale è stata anche sostenuta per un progetto di rafforzamento dell'artigianato e del turismo, per generare fondi, non solo per la manutenzione della moschea, ma anche per migliorare le condizioni economiche della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Ghana Museums & Monuments Board, Ancient Mosques of the Northern Region, su ghanamuseums.org.
  2. ^ Ghana Tourism Authority, Larabanga Mosque, su ghana.travel (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  3. ^ a b c d e f g h Suzanne Preston Blier, Butabu, West Africa's Extraordinary Earthen Agency (PDF), su wmf.org (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2015).
  4. ^ World Monuments Fund Organization, Larabanga Mosque, su wmf.org.
  5. ^ Ghanaweb, Larabanga Mosque to be restored, su ghanaweb.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN123539719 · LCCN (ENno2008021057 · WorldCat Identities (ENno2008-021057