Mizithra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mizithra

La Mizithra o Myzithra (greco: μυζήθρα [miziθra]) è un formaggio fresco realizzato a base di latte e siero di pecore e/o capre.[1] Il rapporto di latte di siero di latte di solito è 7-3.

Viene prodotto principalmente sull'isola di Creta, ma anche in altre aree della Grecia e Cretesi oltre che in Turchia. A Cipro un formaggio simile è conosciuto, sia fresco sia secco, come "Anari" (Αναρή in greco, né in turco-cipriota, Lor in turco).

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La Mizithra è una ricotta di pecora che viene realizzata portato il latte ad ebollizione lenta, per alcuni minuti, e poi coagulandolo con l'aggiunta di caglio, o siero di latte prelevato da un lotto precedente, o semplicemente con un qualche acido, per esempio il succo di limone, aceto, o anche con il lattice di un rametto di fico.

Non appena la cagliata si è formata, viene versata in una garza per farla colare e il siero può essere utilizzato per cagliare il lotto successivo.

Dopo alcuni giorni si è realizzata una massa morbida dolce e umida a forma di sacchetto che è pronta per il mercato.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Esiste una variante ottenuta sfregando in superficie la produzione fresca con sale grosso e lasciandolo stagionare; è detta Xynomyzithra (Myzithra acida) ed ha un sapore più acido.[2]

Se viene stagionato la Mizithra diviene dura e secca (e prende il nome di Anthotiro xero) ed è utilizzato grattugiato sulla pasta.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Viene consumato spesso come dessert con il miele o come mezes con le olive e il pomodoro.

È utilizzato come formaggio da tavola, nelle insalate o spesso come formaggio da grattugia sulle paste, e spesso nelle torte di formaggio e in particolare per la Sfakiani pita (torta della regione Sfakià).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rosemary Barron, Sapori di Grecia, William Morrow, 1991, ISBN 978-0-688-07087-8.
  2. ^ Dana Facaros e Michael Paul, Cadogan Guida: Creta, New Holland Publishers, 2003, ISBN 978-1-86011-106-8.