Michele Abbate (politico 1950)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Abbate
Michele Abbate sindaco.png

Sindaco di Caltanissetta
Durata mandato 15 dicembre 1997 –
7 maggio 1999
Predecessore Giuseppe Mancuso
Successore Stefano Agliata (commissario straordinario)

Dati generali
Partito politico AD (fino al 1997)
DS (1998-1999)
Titolo di studio Laurea in medicina
Professione Medico

Michele Antonio Abbate (Caltanissetta, 14 novembre 1950Caltanissetta, 7 maggio 1999) è stato un politico e medico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Medico di professione, esordì nel consiglio comunale di Caltanissetta nel 1993 quando risultò il più votato tra i candidati presentatisi sotto la lista civica Patto per la città. Lo stesso anno venne eletto presidente del consiglio comunale, carica dalla quale si dimise nel 1995.

Abbate fu eletto sindaco di Caltanissetta nel dicembre del 1997, come candidato del centro-sinistra nelle file dell'Ulivo, battendo il candidato del centro-destra Raimondo Maira e succedendo a Giuseppe Mancuso. Negli ultimi mesi della sua vita si era iscritto ai Democratici di Sinistra. Fu il primo sindaco di sinistra dopo quasi cinquant'anni di amministratori democristiani e la parentesi missina di Mancuso.

Era anche un letterato, con numerose opere storiche scritte insieme a Ferdinando Passalacqua.

L'omicidio[modifica | modifica wikitesto]

Lapide in memoria di Michele Abbate

La sera del 7 maggio 1999, intorno alle 18.25, Abbate fu accoltellato davanti all'ingresso dello studio in cui esercitava la professione di medico, in via Consultore Benintende, da un ignoto che si diede alla fuga. Morì poco dopo nel reparto di rianimazione dell'ospedale Sant'Elia a causa delle ferite riportate all'addome e al torace.[1] Uno dei primi a soccorrerlo fu l'amico e futuro sindaco Salvatore Messana, che lavorava nella propria farmacia nelle vicinanze dello studio di Abbate.[2]

Al funerale, celebrato presso la chiesa di Sant'Agata al Collegio il successivo 9 maggio, parteciparono circa diecimila persone.[3]

Sebbene in un primo momento si fosse speculato su un movente mafioso,[2] dopo pochi giorni le indagini si concentrarono su Antonio William Pilato, un ventiduenne disoccupato che la sera dell'omicidio aveva preso appuntamento presso lo studio di Abbate, e che confessò otto giorni dopo l'omicidio.[4] L'assassino, proveniente da una famiglia disagiata, era già conosciuto da Abbate, il quale lo aveva aiutato in diverse occasioni, anche prima di diventare sindaco; negli ultimi tempi arrivò a perseguitarlo e a minacciarlo di morte, minacce che però il sindaco non aveva preso sul serio.[2] Per questo episodio, Pilato fu condannato a trent'anni anni di carcere, pena confermata in appello.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Caltanissetta, il sindaco ucciso a coltellate, in la Repubblica, 7 maggio 1999. URL consultato il 12 marzo 2019.
  2. ^ a b c Giuseppe Martorana, "Hanno ucciso il sindaco, il sindaco in jeans", su seguonews.it, 6 maggio 2018. URL consultato il 12 marzo 2019.
  3. ^ L'addio di Caltanissetta al suo sindaco. Il presidente della regione Sicilia: «Ci garantiscano la sicurezza», in La Nuova Sardegna, 10 maggio 1999. URL consultato il 12 marzo 2019.
  4. ^ Attilio Bolzoni, L'assassino in lacrime. "Ho ucciso io il sindaco", in la Repubblica, 15 maggio 1999. URL consultato il 12 marzo 2019.
  5. ^ Sergio Nigrelli, Confermati trent' anni all' assassino di Abbate, in la Repubblica, 27 luglio 2001. URL consultato il 12 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]