Metropolitana di Vancouver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Metropolitana di Vancouver
Vancouver Skytrain Rupert station train.jpg
Un treno della linea presso Rupert
StatoCanada Canada
CittàVancouver
Apertura11 dicembre 1985
Ultima estensione2 dicembre 2016
GestoreBritish Columbia Rapid Transit Company e Protrans BC
Caratteristiche
Numero linee3
Stazioni53
Lunghezza79,6 km
Tipo binari1 435 mm
Materiale rotabileICTS Mark I, ART Mark II, Mark III, Hyundai EMU
Statistiche 2017
Passeggeri giornalieri472 100[1]
Passeggeri annuali151 370 100[1]
Mappa della rete
pianta

La metropolitana di Vancouver, anche detto Skytrain, è un trasporto rapido di massa che serve la città canadese.

Questo sistema utilizza una tecnologia avanzata della Bombardier Rapid Transit, che consiste nel far percorrere al treno dei binari posizionati in alto, da ciò deriva il suo nome.
Il funzionamento di questo sistema è elettrico ed utilizza motori a induzione lineare, simili a quelli utilizzati nella linea 4 della metropolitana di Toronto.

Skytrain è gestito dalla società British Columbia Rapid Transit sotto contratto con Translik, un'agenzia governativa di trasporto. L'ente responsabile del controllo del funzionamento è il Greater Vancouver Transportation Authority.

Linee[modifica | modifica wikitesto]

Linea Apertura Lunghezza Stazioni Capolinea Tempo Frequenza Coincidenze
Ora di punta Fuori ora di punta Ora di punta Ora di punta
Linea Expo 1985 28,9 km 20 Waterfront King George 39 min 2–7 min 6–8 min 1,8 min 3–4 min
Linea Millennium 2002 42,1 km 1 29 1 Waterfront VCC–Clark 57 min 5–4 min 6–8 min
Linea Canada 2009 14,4 km2 13 2 Waterfront Richmond–Brighouse 25 min 7 min 7–20 min 3.5 min 3–5–10 min
15,1 km2 13 2 Waterfront YVR–Airport 25 min 7 min 7–20 min

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Transit Ridership Report Fourth Quarter 2017 (PDF), su apta.com, American Public Transportation Association, 13 marzo 2018, p. 35. URL consultato il 4 maggio 2017.