Messio Febo Severo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Flavio Messio Febo Severo (latino: Flavius Messius Phoebus Severus; ... – ...) è stato un politico e filosofo romano dell'Impero romano d'Occidente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Romano d'origine, Severo fu discepolo del filosofo platonico Proclo presso la sua scuola ad Alessandria d'Egitto; dello stesso circolo pagano di discepoli facevano parte Pamprepio (ispiratore della rivolta di Illo), Marcellino (comandante militare semi-indipendente in Illiria), Antemio (console e imperatore d'Occidente) e Puseo (prefetto del pretorio in Oriente e console).[1]

Nel 467/469 ritornò a Roma, dove, per volere dell'imperatore Antemio, suo condiscepolo, venne eletto console per il 470, praefectus urbi e patricius. Secondo Damascio, Severo e Antemio avevano un piano segreto per restaurare il culto pagano.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ O'Meara, p. 21.
  2. ^ Damascio, Vita Isidori nell'Epitome di Fozio, citato in MacGeorge, p.52.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • MacGeorge, Penny, Late Roman Warlords, Oxford University Press, 2002, ISBN 0199252440
  • O'Meara, Dominic, Platonopolis: Platonic Political Philosophy in Late Antiquity, Oxford University Press, 2003, ISBN 0199257582