Mbundu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mbundu
Nomi alternativiMbundu settentrionali
Ambundu
Luogo d'origineAngola Angola
Linguaportoghese
kimbundu
Religionesciamenismo
Distribuzione
Angola Angola 2 400 000

I Northern Mbundu o Ambundu (distinti dal Southern Mbundu o Ovimbundu) sono un popolo bantu che vive nel nord-ovest dell'Angola, a nord del fiume Kwanza. Parla il Kimbundu, e soprattutto la lingua ufficiale del paese, il portoghese. Sono il secondo gruppo etnico più grande del paese, con 2,4 milioni di persone nell'ultimo conteggio. Oggi gli Mbundu vive nella regione che si estende ad est dalla capitale Luanda. Sono predominanti nelle province del Bengo e del Malanje e nelle parti limitrofe delle province di Cuanza Norte e Cuanza Sul. Il capo del principale regno di Mbundu era chiamato Ngola, che è l'origine del nome del paese Angola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Gli Mbundu sono uno dei popoli Bantu. Erano arrivati nella regione dell'Angola fin dal primo Medioevo, ma la maggior parte dell'immigrazione si è svolta tra il XIII e il XVI secolo. Il kimbundo è una lingua bantu occidentale, e si pensa che gli Mbundu siano arrivati dall'Africa settentrionale piuttosto che dall'Africa orientale. I popoli Bantu portarono l'agricoltura con loro. Costruirono villaggi permanenti e commerciarono con i pigmei indigeni e le popolazioni Khoisan.

mappa delle etnie in Angola (in giallo l'area Mbundu)

XIV secolo[modifica | modifica wikitesto]

La società Mbundu consisteva di comunità locali fino al XIV° secolo. La loro società è sempre stata matrilineare. La terra era ereditata matrilineare, e anche il sistema di discendenza era matrilineare. I ragazzi andavano a vivere nei villaggi dei loro zii materni, in modo da preservare un nucleo matrilineare nel villaggio. Teoricamente, il lignaggio è stato proiettato sullo status, anziché su individui, il che ha dato al sistema una certa flessibilità. Questa caratteristica non è stata trovata con i popoli vicini, come l'Ovimbundu a sud e il Bakongo a nord.

Il Regno Kongo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Mbundu fu usato per la prima volta dai Bakongo, prima che fosse adottato dagli stessi Mbundu. Il primo re di Kongo occupò una parte dei territori di Mbundu dal 1370 e lo trasformò nella sua provincia MPemba. Ha fatto di MBanza Kongo la sua capitale lì. Più tardi il regno di Mbamba a Mbundu divenne il vassallo di Kongo. Intorno al 1500, Kongo aveva anche rivendicazioni su NDongo e Kisama, vicino al fiume Kwanza.

La colonizzazione dei portoghesi[modifica | modifica wikitesto]

Kongo, che era in contatto con i portoghesi dal 1482, deteneva il monopolio del commercio con questo paese. Quando il capo di un NDongo, o ngola, cercò di rompere questo monopolio, questo portò alla guerra, in cui i Bakongo furono sconfitti nel 1556. NDongo era ora indipendente e si confrontò direttamente con il colonialismo portoghese. Si alleaò con Matamba contro il paese nel 1590, ma fu sconfitto nel 1614. Ora, NDongo stesso divenne un bersaglio per il commercio degli schiavi, e la sua popolazione fuggì in gran numero verso gli stati vicini.

Il trattato[modifica | modifica wikitesto]

NZinga MBandi era una sorella defunta di NDongo. Bypassando la ngola regnante, ha negoziato un trattato di pace con i portoghesi. Il trattato ha dato sostanziali vantaggi commerciali e religiosi al Portogallo, ma ha consegnato Nzinga al trono di NDongo. Dopo cinque anni, ha dovuto fuggire dalle truppe portoghesi a Matamba. Divenne regina di Matamba, un regno che era tradizionalmente guidato da donne, e lo trasformò nello stato più potente della regione, e un grande esportatore di schiavi. Matamba e il vicino Kasanje avevano monopoli nel commercio degli schiavi e iniziarono a cadere a pezzi nel 19 ° secolo quando questo commercio perse importanza. L'ascesa di un nuovo commercio di avorio, gomma e cera, che ha evitato i vecchi monopoli, ha ridotto il potere dell'autorità centrale negli stati di Mbundu in questo secolo.

Tra il XIX e il XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

I portoghesi avevano sconfitto Matamba nel 1836 e erano avanzati a Kasanje verso la metà del secolo. La loro effettiva influenza, tuttavia, era piuttosto limitata a causa della mancanza di persone, denaro e un esercito efficiente. Il Mbundu aveva l'opportunità di ribellarsi o negoziare le libertà. Questo è cambiato alla fine del 19° secolo: i Paesi europei furono costretti, per ragioni economiche, strategiche e nazionalistiche, a un controllo più stretto sui territori africani. Per proteggere i loro interessi, i portoghesi inviarono un certo numero di spedizioni militari nelle aree, che consideravano essere le loro colonie, e le portarono sotto il controllo effettivo. L'ultima tribù Mbundu da sconfiggere era l'NDembo. Ci vollero tre anni al Portogallo per sottomettere una rivolta di NDembo nel 1910. Nel 1917 tutto il loro territorio fu occupato e divenne parte della colonia portoghese dell'Angola.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85082490 · BNF (FRcb122359917 (data)