Mario Scandola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mario Scàndola)
Jump to navigation Jump to search

Mario Scàndola[1] (...) è un traduttore e latinista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si occupò per Rizzoli della traduzione di tutte le commedie di Terenzio e Plauto; per lo stesso editore curò Storia di Roma dalla sua fondazione, traduzione degli Ab urbe condita libri di Tito Livio, e gli Epigrammi di Marziale.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plauto, Anfitrione, 3ª ed., Milano, BUR, 2003, copertina, ISBN 88-17-10023-4.
Controllo di autoritàVIAF (EN60612613 · ISNI (EN0000 0000 2735 9479 · LCCN (ENn87899161 · WorldCat Identities (ENlccn-n87899161