Marco de' Marconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beato Marco de' Marconi

Religioso girolamino

 
NascitaModena, 1480
MorteModena, 24 febbraio 1510
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione2 marzo 1906
Ricorrenza24 febbraio

Marco de' Marconi (Mantova, 1480Mantova, 24 febbraio 1510) è stato un religioso italiano degli Eremiti di San Girolamo. Fu beatificato, per equipollenza, da papa Pio X nel 1906.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente a un'agiata famiglia, abbracciò sedicenne la vita religiosa tra i girolamini del convento mantovano di San Matteo al Migliarino e si distinse per la vita di preghiera e penitenza.[1]

Morì trentenne.[1]

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La sua salma fu esumata a due anni dalla morte: trovata incorrotta, fu collocata in chiesa.[2]

Nel 1629 la chiesa di San Matteo al Migliarino, che sorgeva in posizione extra moenia, fu abbattuta e la comunità girolamina si trasferì nel convento di San Matteo in Fiera, entro le mura, portando con sé il corpo del beato. Le reliquie ebbero numerose ricognizioni e traslazioni fino al 1805, quando furono collocate in cattedrale nella cappellina di Santa Croce.[2]

Il processo per la conferma del culto fu avviato nel 1830 e portato a termine dal vescovo Giovanni Maria Berengo nel 1882. Il suo culto ab immemorabili fu confermato da papa Pio X il 2 marzo 1906.[2]

Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 24 febbraio.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pietro Ferrara, BSS, vol. VIII (1966), col. 747.
  2. ^ a b c Pietro Ferrara, BSS, vol. VIII (1966), col. 748.
  3. ^ Martirologio romano (2004), p. 222.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Caraffa e Giuseppe Morelli (curr.), Bibliotheca Sanctorum (BSS), 12 voll., Istituto Giovanni XXIII nella Pontificia Università Lateranense, Roma 1961-1969.
  • Il martirologio romano. Riformato a norma dei decreti del Concilio ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Giovanni Paolo II, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2004.